Intoppi burocratici portano alla scelta di spostare la granfondo fuori dal periodo elettorale. Troppe le complicazioni e le responsabilità che esulano lo sport. Si prende la data delle Granfondo San Maurizio che verrà spostata più avanti. Le iscrizioni restano aperte.

La Granfondo di Andora si sposta all'8 aprile

La Granfondo di Andora si sposta all'8 aprile

26 febbraio 2018, Andora (Sv) – Quando le responsabilità di cui si viene caricati esulano l'attività sportiva e rischiano di passare in ambito politico, è bene prendere una decisione saggia.

Questo è ciò che ha fatto Piernicola Pesce, organizzatore della Granfondo di Andora, che si sarebbe dovuta svolgere la prossima domenica.

«Mi è stato chiesto di prendermi ogni responsabilità qualora qualche elettore non riuscisse ad andare a votare a causa del blocco della circolazione, - spiega Pesce - necessaria per garantire la sicurezza ai ciclisti. Visto il clima politico attuale non voglio che la scusa della sospensione della circolazione possa diventare motivo per uno scontro politico, di cui pagarne le conseguenze»

Questa la motivazione che ha portato il CO della manifestazione andorese a spostare la granfondo a domenica 8 aprile, data in cui era posizionata la Granfondo San Maurizio 1619, organizzata dalla stessa società.

«In questo modo – continua Pesce – torneremo ad una situazione di normalità e tutto filerà via liscio senza grane né intoppi»

Le iscrizioni prolungano di conseguenza il periodo fino alle ore 12.00 di venerdì 6 aprile online, e successivamente in loco.

Tutte le informazioni e i dettagli sulla manifestazione sono disponibili sul sito ufficiale 

La quinta prova del circuito si terrà domenica 9 settembre a Teramo e porterà a fare il giro del Gran Sasso. Sino al 19 aprile abbonamento a 150 euro per sei prove.    

Il 9 settembre appuntamento con la Granfondo Città di Teramo

26 febbraio 2018 - La quinta prova del Master Tricolore sarà la Granfondo Città di Teramo, che si terrà domenica 9 settembre nell'antica Teramo.

Partenza alla francese dalle ore 6.30 e fino alle ore 8 e partenza agonistica alle ore 8.30 da Piazza Martiri della Libertà. Due i percorsi in programmacompletamente rinnovati: il lungo di 160 chilometri (2600 metri di dislivello) che porterà sul Gran Sasso e il corto di 92 chilometri (1100 metri di dislivello).

La manifestazione porterà, quindi, a fare il giro del Gran Sasso. Dopo il passaggio nelle vicinanze di Rigopiano, infatti, ci si immetterà all’interno del Gran Sasso, dove farà tappa il giro d’Italia. Attraversando poi la provincia dell’Aquila si tornerà a Teramo dal Passo delle Capannelle.

Belle le premiazioni finali per i primi tre assoluti, i primi tre di categoria e le prime dieci società.

Per ulteriori dettagli basterà visitare il sito internet della granfondo.

Sino al 19 aprile sarà possibile abbonarsi al circuito con 150 euro. Sono previsti sconti per chi è già abbonato al Marche Marathon e al Fantabici. Per info scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

CALENDARIO
25 aprile - Gf Città di Chianciano Terme - Chianciano Terme (Si)
1° maggio - Gf Città di Perugia - Perugia
27 maggio - Gf San Benedetto del Tronto - San Benedetto del Tronto (Ap)
3 giugno - Terminillo Marathon - Rieti 
9 settembre - Gf Città di Teramo - Teramo
16 settembre - Gf Leopardiana - Recanati (Mc)

REGOLAMENTO 

Saranno tre (due agonistici e uno cicloturistico) i percorsi offerti dalla granfondo in programma domenica 3 giugno a Camerino (Mc): 155 chilometri, 100 chilometri e 57 chilometri. Tre le partenze previste. Sino al 28 febbraio iscrizioni a 30 euro. 

Sempre affascinanti i tracciati della Granfondo Terre dei Varano (ph Play Full)

26 febbraio 2018, Camerino (Mc) – Saranno tre i tracciati alla 10ª Granfondo Terre dei Varano, che domenica 3 giugno sarà organizzata a Camerino dall'Avis Frecce Azzurre: il lungo di 155 chilometri (3300 metri di dislivello) con partenza alle ore 8.30, il medio di 100 chilometri(2000 metri di dislivello) che prenderà il via alle ore 9.15 e il corto non agonistico di 57 chilometri (1100 metri di dislivello) per cicloturisti ed ebiker, che partirà alle ore 9.30.

Start nei pressi della Contram Spa. Dapprima si percorrerà un tratto pianeggiante, dove sulla destra i ciclisti potranno amirare il castello di Rocca d'Aiello, che insieme a quello di Lanciano, che si incontrerà dopo qualche chilometro, costituiva la poderosa rete di fortificazioni che il Ducato dei Da Varano aveva edificato nel suo territorio.

Raggiunta la rotonda di Torre del Parco si svolterà a sinistra, iniziando a percorrere in leggera ascesa la valle del Potenza. Si giungerà quindi a Pioraco, attraversando due gallerie in corrispondenza delle quali la strada si impennerà fino al 9 per cento, e poi si svolterà a sinistra proprio all'ingresso del paese della carta. Successivamente si raggiungerà Sefro, noto per gli allevamenti di trote, e dopo aver attraversato il caratteristico borgo ci si addentrerà nella valle scavata dal torrente Scarsito.

L'andamento pianeggiante della strada sarà interrotto dall'inizio dei 5400 metri della salita per Montelago, che prima del borgo di Sortiraggiungerà in un breve tratto pendenze anche al 14 per cento. Superato Sorti, si salirà regolari per circa cinque chilometri, raggiungendo i due altipiani di Montelago, che si trovano su due quote differenti.

Subito dopo, uno strappo di poco più di un chilometro porterà allo scollinamento di Passo Salegri. Giù quindi per una discesa di sei chilometri, caratterizzata da lunghi rettilinei e tornanti secchi, da percorrere con attenzione, considerando che si raggiungerà una velocità elevata. 

All'ingresso di Serravalle del Chienti sarà posta la prima deviazione dei percorsi: il corto girerà a sinistra, mentre il medio e il lungo proseguiranno dritti in leggera salita.

Questi ultimi due dopo aver superato la strettoia posta nel borgo di Castello saliranno per un breve tratto al 10 per cento e al termine dell'ascesa svolteranno a sinistra. I ciclisti potranno ammirare l'altipiano di Colfiorito, che verrà attraversato per circa tre chilometri. 

Nel borgo di Taverne (dove ci sarà il primo ristoro), dopo una doppia svolta a sinistra e dopo essere passati sotto la nuova superstrada, inizierà la breve salita che porterà a scollinare a Pintura di Ciglia. La successiva discesa, abbastanza ripida subito dopo lo scollinamento, porterà agevolmente a Pieve Torina, dove si girerà a sinistra e su strada ampia leggermente a favore si arriverà dopo nove chilometri a PolverinaQui avverrà la divisione tra lungo e medio

Il lungo svolterà a destra attaccando subito i 7800 metri della salita al Poggio di Fiastra. Dopo lo scollinamento inizierà una discesa che in sei chilometri porterà al lago di Fiastra, che potrà essere ammirato dall'alto, incastonato tra i Sibillini. Inizierà ora la lunga salita di 16 chilometri che attraversando Acquacanina e poi Bolognola (cambio borracce) condurrà al GPM di Sassotetto Santa Maria Maddalena, dove sarà posizionato un ristoro. Dopo aver goduto di una vista panoramica incantevole sulle vette dei Sibillini e dopo aver scollinato, i ciclisti inizieranno una discesa molto tecnica e su fondo stradale perfetto che in 15 chilometri li porterà a Sarnano, dove troveranno un leggero strappo prima dell'ingresso in paese. Nella piazza si svolterà a sinistra e poi dopo circa 19 chilometri si raggiungerà Belforte del Chienti, dove si girerà a sinistra. Dopo una leggera ascesa di tre chilometri si arriverà al Lago di Caccamo, dove si svolterà a destra in direzione Serrapetrona e qui avverrà il ricongiungimento con il medio.

Quest'ultimo, dopo la divisione di Polverina, proseguirà dritto con strada a favore per circa 18 chilometri, costeggiando prima il Lago di Polverinae successivamente quello di Caccamo. Qui si svolterà a sinistra in direzione di Serrapetrona, dove avverrà il ricongiungimento con il lungo e dove ci sarà un ristoro. 

Dopo essersi ricongiunti, i due tracciati proseguiranno verso il borgo medievale di Castel San Venanzio e poi raggiungeranno il GPM di Torre Beregna. Dopo lo scollinamento, percorrendo una strada panoramica i ciclisti potranno ammirare Camerino e tutti i Sibillini. La discesa che condurrà a Camerino è brevemente interrotta da due strappetti di poche centinaia di metri, che si percorreranno di slancio. Si attaccherà poi l'ultimo tratto, che condurrà all'arrivo in centro.  

Ritornando al corto, invece, dopo essersi separato dagli altri due tracciati questo proseguirà in leggera discesa per circa 10 chilometri, raggiungendo Muccia, dove svolterà a sinistra e poi affronterà tre chilometri in leggera salita fino allo scollinamento, arrivando quindi velocemente in discesa ai piedi di Camerino. Si attacherà quindi l'ultima parte, che condurrà fino al traguardo

Quote per iscriversi (CLICCA QUI)
- Euro 30,00 entro il 28 febbraio alle ore 23.59 (agonisti, individuale) 
- Euro 35,00 entro il 30 maggio alle ore 23.59 (agonisti, individuale) 
- I fedelissimi (vedi elenco), cioè coloro che hanno partecipato a tutte le nove edizioni precedenti, potranno iscriversi a 25 euro sino al 31 maggio e saranno schierati in un'apposita griglia di partenza. 
- Euro 20 sino al 2 giugno per cicloturisti ed ebiker, specificando nell'apposito modulo di iscrizione.

Iscrizioni in loco
- Euro 40,00 sabato 2 giugno dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 20. In questo caso l’organizzazione non garantisce il pacco gara.

Due giorni ricchi di divertimento in occasione della granfondo in programma il 10 e  l'11 marzo ad Ancona. Quota d'iscrizione ridotta sino al 28 febbraio. 

Si avvicina l'appuntamento con la Granfondo Città di Ancona (ph Play Full)

26 febbraio 2018, Ancona – Definito in dettaglio il ricco programma della Granfondo Città di Ancona, la cui quarta edizione si terrà sabato 10 e domenica 11 marzo ad Ancona.

SABATO 10 MARZO
14.00 - Apertura iscrizioni e ritiro pettorali (Piazza IV Novembre)
14.00 - Apertura Ancona Village (area expo)
14.00 - Ritrovo Giro dei forti in mtb (Piazza IV Novembre)
15.00 - Partenza Giro dei forti in mtb (aperta anche ai non tesserati)
16.30 - Convegno "Test di Mader ed allenamento del ciclista amatoriale" a cura del dottor Francesco Mazzanti della Futur Medical & Sporter di Senigallia
17.00 - Arrivo Giro dei forti in mtb
19.00 - Chiusura iscrizioni
20.00 - Cena preparata dalla Friggitoria da Jessica

DOMENICA 11 MARZO
07.30 - Apertura ritiro pettorali (piazza IV Novembre)
07.30 - Apertura Ancona Village (area expo)
08.00 8.20 - Partenza alla francese
08.15 - Apertura griglie
09.00 - Partenza granfondo
10.00 - Minigranfondina Città di Ancona, gimkana promozionale per bambini dai 6 ai 12 anni tesserati e non (Piazza IV Novembre)
11.00 - Arrivo percorso mediofondo (Località Pietralacroce)
11.30 - Apertura pasta party preparato dalla Friggitoria da Jessica (Piazza IV Novembre)
12.00 - Arrivo percorso granfondo (Località Pietralacroce)
13.30 - Cerimonia di premiazione primi 5 di categoria e prime 10 società (Piazza IV Novembre)
15.00 - Chiusura Ancona Village

Quote d'iscrizione alla granfondo 
- 35 euro sino al 28 febbraio (online)
- 40 euro sino all'8 marzo (online
- 45 euro il 10 marzo in loco presso la segreteria 

Quota d'iscrizione al Giro dei forti in mtb
- 10 euro in loco sabato sabato 10 marzo

Ulteriori dettagli sul sito dell’eventoSi ricorda anche la pagina Facebook ufficiale.

Sono stati il corridore di Bellona (Ce) e la ciclista di Filottrano (An) ad aggiudicarsi la manifestazione organizzata a Terni. Tra le società è andata a segno la Triono Racing Medical Frem. A vincere il Premio San Valentino per le coppie sono stati Valentina Pezzano e Luciano Russi dell'Effetto ciclismo Fiano romano. Circa 600 gli iscritti. 

L'arrivo di Cesaro, Pisani e Minichino in Via del Centenario (ph Play Full)

25 febbraio 2018, Terni – Sono Roberto Cesaro e Barbara Lancioni i vincitori della 9ª Granfondo dell'Amore - Città di Terni, la classica d'apertura della stagione granfondistica del Centro Italia che è stata organizzata a Terni dall'Asd il Salice. 

Circa 600 gli iscritti, che hanno scelto la manifestazione ternana nonostante le previsioni meteo poco incoraggianti. Alla fine la pioggia e la neve tanto temute non sono arrivate. 

Attorno al chilometro 20 al comando sono segnalati Sergio Zaottini del Team Falasca Zama Greco, Domenicantonio Minichino del Team Cesaro Falasca, Manuel Fedele del Team Go Fast, Giovanni Nucera della Cicli Copparo e Silvio Giovane dell'Uc Petrignano, che poi si stacca. 

Intanto la direzione di corsa comunica l'annullamento del tracciato granfondo di 128 chilometri e la deviazione di tutti sul mediofondo di 81 chilometri dato che arrivano notizie di una fitta nebbia a Montecchio. 

Poco dopo dai fuggitivi si stacca anche Zaottini e al comando, dunque, restano Fedele, Minichino e Nucera. La situazione alle spalle dei tre cambia rapidamente e poco prima di Farnetta su di loro piombano Roberto Cesaro e Vincenzo Pisani, entrambi del Team Falasca Zama Greco, e Samuele Scotini della Giuliodori Renzo Bike Club Café.

Nel corso dei chilometri Scotini, Fedele e Nucera perdono contatto dal drappello di testa e alla fine per il terzetto della Falasca è arrivo in parata sul traguardo di Via del Centenario: primo è Roberto Cesaro, ciclista di Bellona (Ce). Sul secondo gradino del podio sale Vincenzo Pisani e sul terzo Domenicantonio Minichino. 

Tra le donne successo in solitaria per Barbara Lancioni della Mg-K Vis-Somec-Lgl, ciclista di Filottrano (An), alle cui spalle si piazzano Michela Gorini del Team Fausto Coppi Fermignano e Gioia Chiodi della Cicli Copparo. 

A vincere il Premio San Valentino per le coppie sono stati Valentina Pezzano e Luciano Russi dell'Effetto ciclismo Fiano romano. 

Tra le società successo per la Triono Racing Medical Frem davanti all'As Roma ciclismo e all'Uc Petrignano. 

Le premiazioni di categoria hanno visto protagonisti i primi dieci e non i primi cinque. Infatti l'organizzazione ha deciso di estenderle dato l'annullamento del granfondo. Diverse, poi, le premiazioni a sorteggio, con omaggi anche per gli accompagnatori. 

«Il mio grazie - commenta Diego Persichetti, presidente dell'Asd il Salice - va a tutti i partecipanti, alle forze dell'ordine, ai molti volontari che hanno contribuito alla realizzazione dell'evento, agli sponsor e alle amministrazioni locali».

La manifestazione ha aperto sia il Circuito dei due mari dal Tirreno all'Adriatico che il Salice Bike Challenge.

Classifiche complete e aggiornate sul sito KronoService.

Ordine d'arrivo maschile: 1) Roberto Cesaro (Team Falasca Zama Greco) 02:07:29.97, 2) Vincenzo Pisani (Team Falasca Zama Greco) 02:07:29.99, 3) Domenicantonio Minichino (Team Cesaro Falasca) 02:07:30.89, 4) Luca Chiesa (Asd Raschiani Valnure) 02:10:07.77, 5) Manuel Fedele (Asd Team Go Fast) 02:10:17.01, 6) Giovanni Nucera (Asd Cicli Copparo) 02:10:17.25, 7) Mattia Fraternali (Miche - Mg.K Vis - Legend - Lgl) 02:10:17.27, 8) Matteo Zannelli (Di Gioia Cycling Team) 02:10:17.51, 9) Gaetano Del Prete (Team Falasca Zama Greco) 02:10:17.92, 10) Domenico Saldamarco (Asd Euronix Team) 02:10:43.61. 

Ordine d'arrivo femminile: 1) Barbara Lancioni (Mg-K Vis-Somec-Lgl) 02:19:03.97, 2) Michela Gorini (Team Fausto Coppi Fermignano) 02:19:53.63, 3) Gioia Chiodi (Asd Cicli Copparo) 02:24:08.36. 

 

 

Free Joomla! template by L.THEME