Nuovo visual per la Granfondo Squali - Trek

Una reinterpretazione in chiave moderna di immagini che raccontano le estati degli anni ’60 sulla riviera romagnola e marchigiana: da queste linee guida nasce il visual della Granfondo Squali Trek edizione 2020. Attraverso questo nuovo concept grafico, la manifestazione ciclistica, che si sviluppa tra i comuni di Cattolica e Gabicce Mare, conferma la sua vocazione originale: un evento caratterizzato dalla passione vibrante per il ciclismo, senza dimenticare la grande ospitalità familiare che la contraddistingue e rende unica.

Image

26 gennaio 2020, Cattolica (Rn) - Una terra che è uno scrigno prezioso, un patrimonio da custodire gelosamente dal quale è possibile ritrovare le radici di costumi e tradizioni che contraddistinguono il vissuto culturale nazionale italiano. La riviera tra la Romagna e le Marche è stata un terreno di sviluppo del turismo moderno fatto di accoglienza e divertimento. Ed è proprio dalla volontà di rappresentare questo binomio che la Granfondo Squali Trek presenta il nuovo visual della sesta edizione della gara di Cattolica e Gabicce Mare.

«Il nuovo progetto di creatività della Granfondo Squali Trek nasce dalla volontà di far rivivere, con uno stile grafico in chiave moderna, l’atmosfera retrò delle estati in riviera – afferma Davide Brambillaamministratore delegato di Trek Italia – Insieme al Velo Club Cattolica e a Cicloteam 2001 Gabicce Mare vogliamo realizzare una manifestazione che porti al centro dell’attenzione la passione per la bicicletta, ma che sia anche un evento da vivere insieme alle proprie famiglie e amici, proprio come quelle estati indimenticabili». 

I toni sfocati di una fotografia sbiadita, i profumi e i sapori accesi di un chiosco in riva all’Adriatico, il calore del sole che brucia la spiaggia punteggiata dagli ombrelloni e le verdi colline dell’entroterra che si tuffano tra le onde del mare.

Calore, ricordi e accoglienza: ci si sente a casa
Questa terra è la meta simbolo della vacanza italiana, una tradizione nata nel dopo-guerra e rafforzatasi negli anni ’60 del secolo scorso per ritrovare il sapore di serenità e allegria trascorrendo in famiglia, e in compagnia, le torride estati.
La memoria di quegli anni, oggi, si riflette nell’attenzione verso gli ospiti, nella capacità di creare un’atmosfera sempre coinvolgente facendo dimenticare, durante la ‘villeggiatura’ come la si chiamava un tempo, gli aspetti caotici della quotidianità vissuta in città. Il confine tra Romagna e Marche è un libro che va letto per scoprirne, una volta di più, l’importanza del contenuto.

Le radici nel territorio per una gara che guarda al futuro
Un capitolo speciale di questo libro racconta della passione e della tradizione di questa terra per il ciclismo. La Granfondo Squali Trek è una corsa dalla giovane storia ma dalla forte identità: gli organizzatori, infatti, l’hanno disegnata affinché possa es
sere un’esperienza a dimensione famigliare che accoglie, uomini, donne e bambini. Le 45 strutture alberghiere partner dell'evento, l’Acquario di Cattolica, il litorale sabbioso e lo scenografico arrivo a Gabicce Monte, da cui è possibile assaporare e ascoltare i sapori e i suoni dell’Adriatico, invitano tutti a godersi tre giorni, dal 15 al 17 maggio, all’insegna del divertimento e della passione per la bicicletta.

«La nostra terra è da sempre una fucina di campioni del ciclismo. – afferma Filippo Magnanicoordinatore della Granfondo Squali Trek – e la passione che ribolle e, soprattutto, gli scenari che dall'Adriatico si estendono sulle colline sono il biglietto da visita che abbiamo voluto rappresentare in questo nuovo visual».

La creatività è a firma di Andrea Piomboni, grafico pubblicitario milanese che ha voluto raccogliere questa sfida proponendo un “poster” dalle atmosfere retrò e con elementi archetipici come la spiaggia sullo sfondo costellata di ordinati ombrelloni, le colline dell’entroterra e la presenza di una coppia di ciclisti a simboleggiare l’ampio respiro della manifestazione.

 

Free Joomla! template by L.THEME