Articoli 
mercoledě 13 novembre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
News dalle aziende Ultime news   
Inserito il 22 settembre 2013 alle 05:44:55 da Azario Gianandrea. - Letto: (3952)

Expobici parte 1: via alla personalizzazione

Molti operatori del mercato ciclistico stanno facendo del loro meglio per adeguare i propri prodotti alle effettive necessità del cliente, chi, mettendoli in grado di scegliere come accessoriare la propria bici, adeguandola alle novità tecnologiche dell’ultim’ora (cambi elettronici, freni a disco), chi rendendo disponibili più di un top di gamma con caratteristiche differenti a seconda dell’uso che si intende fare, chi con una personalizzazione delle misure.

 

 

(A cura di Gianandrea Azario)

BIANCHI
Nel settore strada Bianchi affianca al top di gamma Oltre il nuovo modello Infinito CV, da considerare anche esso un top di gamma.
La Oltre è la bici da competizione per eccellenza e presenta quindi le geometrie che più si adattano ad uno stile corsaiolo. Rispetto al modello 2013 sono state apportate alcune modifiche a livello di disposizione delle fibre di carbonio e sulla zona sterzo, è ora utilizzata la scatola BB386 e sono stati allargati i pendenti posteriori, tutto con l’obiettivo di avere un mezzo il più possibile performante. La nuova versione è predisposta per essere montata con tutti i cambi elettronici (sia a batteria interna che esterna) e meccanici. Esiste anche una versione che può essere utilizzata con i freni a disco.


La Infinito CV (CV sta per Countervail, il nuovo materiale in fibra di carbonio prodotto dall’americana MSC) è invece la bici per le lunghe distanze, che ha nel comfort la sua caratteristica principale, ma che mantiene delle ottime performance in termini di risposta alle sollecitazioni, tanto da essere stata utilizzata dai professionisti ed in particolare dallo specialista Flecha nelle massacranti Classiche del Nord. Il Countervail ha presenta un eccellente assorbimento delle vibrazioni. Per aumentare le caratteristiche di comfort le geometrie della Infinito CV sono meno esasperate di quelle della Oltre, con uno sterzo più alto ed un interasse più lungo. Anche la Infinito CV è prodotta in una variante utilizzabile con i freni a disco.


In campo MTB, Bianchi è per ora dedita principalmente al Cross Country con i modelli Methanol (con diverse varianti della fibra di carbonio) e JAB (in alluminio)

SARTO
Lo potremmo definire artigiano della fibra di carbonio. I suoi telai sono telai fasciati estremamente personalizzabili nelle geometrie. Il processo di fasciatura è stato accuratamente studiato in modo che ci sia la garanzia della assoluta robustezza della struttura del telaio. Molti negozianti e biomeccanici si rivolgono a lui per realizzare telai per clienti particolari. Su tutti spicca il modello RR02 che presenta notevoli caratteristiche di leggerezza e rigidità.


CRISP TITANIUM

Dal carbonio al titanio personalizzato. La filosofia di questo artigiano americano, emigrato in Toscana, è di costruire telai solo dopo aver studiato direttamente con il cliente il prodotto che le sue mani andranno a realizzare. L’obiettivo è di creare dei modelli assolutamente essenziali (le forme delle tubazioni sono tradizionalmente tonde), eterni e di estetica piacevole, oltre che di ottime prestazioni. Proprio perché la fase di studio e definizione dei requisiti del cliente è piuttosto lunga, non sono prodotti più di 30 telai all’anno.


SELLE ITALIA

Il metodo ID Match per la scelta della sella sta dando molte soddisfazioni ai tecnici di Selle Italia. Sulla base della distanza tra i due trocanteri, la misura della circonferenza della coscia e l’inclinazione del bacino è possibile capire quale sia la sella ideale tra due differenti larghezze (S e L), tre differenti tipologie di scafo (1 =  senza foro, 2 = con foro piccolo, 3 = con foro grande) ed eventualmente determinare se un monolink sia preferibile ad un carrello a forchetta tradizionale.
Le novità in casa Selle Italia riguardano i carrelli in carbonio, costruiti ora con una componente ceramica (il materiale è denominato carbokeramic) ed in forma tonda tale da adattarsi a qualsiasi tipo di reggisella, il nuovo modello Iron, senza punta, studiato per il thriatlon e la nuova versione della Flite con un nuovo scafo e l’adozione del carrello carbokeramic che la rende più leggera rispetto alla versione precedente.
Nello stand facevano bella mostra i nastri manubrio Smootape, prodotti in 4 versioni (Corse, Granfondo, Controllo e Classic) a seconda del grip richiesto dall’utilizzatore della bici su cui viene montato.

SIDI
Nessuna novità sui modelli strada delle scarpe Sidi, se non alcune nuove colorazioni (da segnalare la colorazione Iride). Anche Sidi ha pensato di rendere personalizzabili alcuni modelli, introducendo due nuovi tipi di calzate, la Woman e la Mega, accanto a quella standard. La differenza sta nella larghezza della suola all’altezza del metatarso e del tallone ed un maggior volume sul collo del piede.




 
CICLI ZARMA

Visto che la bici non è solo un mezzo per svolgere un’attività sportiva, Cicli Zarma ha portato ad Expobici le sue biciclette vintage, destinate ad un pubblico cui piace andare a fare una gita in città utilizzando un mezzo che si distingue dagli altri.



SUNSTAR

Cosa c’è di meglio di una bici a motore elettrico che aiuta la pedalata, quando non si vuole utilizzare la bici come mezzo per un’attività sportiva, ma per una sana gita? E allora ecco la Sunstar, azienda giapponese che produce motori per la pedalata assistita. Si tratta di un motore centrale basato su un sensore della coppia applicata, con un computerino a manubrio che permette di decidere di quanto incrementare la coppia applicata. Grazie alle differenti versioni di pedivelle e software, il motore è applicabile praticamente ad ogni bici, dalla citybike alla mountain bike, purché la scatola del movimento sia compresa tra 68 e 72 mm.

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!