Articoli 
lunedě 28 luglio 2014
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Rubriche tecniche Dietologia   
Inserito il 18 luglio 2012 alle 09:14:50 da Erica Lombardi. - Letto: (1411)

GLI ALIMENTI FUNZIONALI : l'esperienza con i campioni di oggi e di domani….

Più forza in salita con l'amaranto e la carne equina, più resistenza e agilità con latte di riso e sesamini nel fondo lungo. Vediamo quali cibi possono essere più utili di altri ad affrontare e ottimizzare l'impegno fisico richiesto senza incorrere in carenze o eccessi alimentari.

dott.ssa Erica Lombardi
Nasco ad Abbadia San Salvatore (SI) il 17.08.1984.
Qualcuno direbbe che ho 28 anni ma pratico sport almeno da trenta, tale la mia dedizione per ogni forma di movimento ma in particolare per gli sport di endurance. Dopo  aver praticato nuoto fin dall’età di tre anni, sono approdata al calcio, giocando per 6 anni nel ruolo di attaccante in una squadra di soli ragazzi. Tuttavia le notevoli capacità aerobiche nella corsa, mi hanno permesso di conseguire le prime vittorie nei campionati studenteschi di corsa campestre, pista e strada, e da queste si sono susseguite innumerevoli vittorie nei campionati provinciali e regionali in tutte le specialità di corsa, fino al conseguimento del titolo di campionessa italiana F.I.D.A.L. di corsa su strada per due anni consecutivi, e altri titoli italiani U.I.S.P.
Sono tutt’oggi detentrice del record toscano 5000mt piani under 18 ed ho partecipato a numerose manifestazioni nazionali e internazionali conseguendo un quarto posto nella mezza maratona internazionale di Praga. Inoltre sono stata membro della nazionale italiana di atletica ai campionati europei e mondiali di corsa campestre nel 2002 e 2003.

La mia carriera si è conclusa proprio a causa di una scorretta alimentazione; da ciò ho deciso di intraprendere gli studi sulla nutrizione e dopo un tirocinio presso l’istituto di Medicina e Scienza dello sport del C.O.N.I. (Comitato Olimpico Nazionale Italiano) e numerosi convegni e corsi di formazione (anche presso il settore tecnico F.G.C. di Coverciano), ho conseguito la laurea di I°livello in dietistica presso l’Università degli Studi di Siena con la votazione finale di 110/110 e lode con tesi dal titolo “REGIME ALIMENTARE NEL MARATONETA D’ELITE” svolta con la collaborazione del campione olimpico di maratona Stefano Baldini.

Nonostante l’amore per il ciclismo, mi sia stato trasmesso sin da piccola da uno zio biker,  l’esperienza sul campo inizia con il GIROBIO , Giro d’Italia ciclistico under 27, nel 2009, come membro del comitato scientifico per la tutela della salute della F.C.I. in qualità di dietista.

Tutt’oggi dietista del Girobio e della Coppa delle Nazioni di ciclismo under 23, svolgo il mio lavoro di diet coach presso le principali squadre di dilettantistiche italiane e da quest’anno  grazie alla collaborazione con il CTA Coach Team Assistant diretto dal coach Fabrizio Tacchino, svolgo le mie consulenze di coaching nutrizionale anche per  il team professionistico Androni Giocattoli, oltre a seguire singoli  atleti professionisti di varie squadre italiane e straniere, nonché Handbikers e atleti  del settore amatoriale.

I ragazzi del GiroBio seguiti dalla dottoressa Lombardi

Il sogno di ogni ciclista? Quello di trovare l' alimento “magico”per una maggiore “tenuta” nella prova di lunga durata e quello per fare la differenza in salita! E invece ci si ritrova ogni giorno a consumare sempre i medesimi alimenti, limitandoci al massimo, a modularne la quantità in base alla durata dell'impegno previsto. Ovviamente, sappiamo che l'esito della prova è influenzato da tantissime variabili delle quali, tuttavia, l'alimentazione risulta essere una delle più influenti. Da ciò, l'esigenza per il ciclista di modulare le scelte alimentari in relazione alla diversa tipologia di allenamento o gara da affrontare. Si parla dunque di ALIMENTI FUNZIONALI, cioè cibi che, appartenenti ai diversi gruppi alimentari (cereali, latte e derivati, ortaggi e frutta, carne, pesce, uova e legumi) possano essere più utili di altri ad affrontare e ottimizzare l'impegno fisico richiesto senza incorrere in carenze o eccessi alimentari.

Ogni atleta, in base alle caratteristiche atletiche di base, ai gusti alle eventuali problematiche presentate, nonché al programma di allenamento e gare previsto, dovrà cercare di risalire, con l'aiuto della diet coach, ai quei cibi che possano risultargli più utili per svolgere la singola prova al massimo delle sue possibilità e ottimizzarne il successivo recupero muscolare.

L a ricerca inizia con la compilazione del diario alimentare (vedi articolo “caro diario”) condotta dall'atleta per un periodo prestabilito nel quale si cercherà di eseguire sedute di allenamento cicliche, sviluppando per almeno tre settimane consecutive i medesimi concetti allenanti (forza,capacità aerobica, ecc..) e le medesime distanze. L'atleta dovrà quotidianamente riportare sul diario, oltre alla quantità e qualità degli alimenti consumati, la tipologia, la durata e le Kcal consumate nella specifica seduta di training e le sensazioni post prandiali e post allenamento o gara.

Per delineare gli alimenti funzionali è essenziale che l'atleta “ascolti”, in base alle associazioni alimentari effettuate e alla prova eseguita, i segnali fisiologici e muscolari che riceve dal corpo.

Pertanto se, ad esempio, l'atleta in un allenamento di fondo avverte buone sensazioni tutte le volte che consuma la medesima colazione (latte di riso, cereali di mais, pane tostato e succo d'agave), quei cibi e quelle associazioni alimentari diventeranno il suo gold standard ,cioè il suo protocollo di alimentazione distanza.

Tuttavia anche se gli alimenti funzionali e le associazioni alimentari devono essere personalizzate è altrettanto vero che alcuni alimenti proprio per le loro caratteristiche bromatologiche, di composizione chimica, hanno la capacità di indurre una fisiologica e similare risposta organica (anche in relazione alla tipologia di sforzo fisico effettuato), nella maggior parte degli atleti e possono quindi essere considerati validi per la maggioranza dei bikers.

La mia esperienza sul campo con un campione numerico validato di professionisti, dilettanti e cicloamatori, mi porta oggi a ritenere che esistono degli alimenti che sono utili più di altri per ogni singola prova.

Sulla base dei dati ottenuti da questo studio osservazionale, di seguito riporto uno schema degli alimenti funzionali per alcune tipologie di prova:

Esempio di alcuni ALIMENTI FUNZIONALI per ALLENAMENTO DI FORZA

. cereali e derivati : avena, amaranto, farro, pasta e pane integrale, crusca, muesli
. legumi : soia
. verdura : verde (es. lattuga,spinaci ecc..)
. frutta : poco matura e secca
. proteine : uova, carne rossa, pesce (es.spada,).
. lipidi : tahin, burro di soia, semi oleaginosi

Esempio di alcuni ALIMENTI FUNZIONALI per ALLENAMENTO DI FONDO

. cereali e derivati : riso, patate, pasta di semola e pane tostato non integrale, mais.
. legumi ( ceci, fagioli e piselli)
. verdura : colorata (carote, pomodori, zucca ecc.)
. frutta : matura o disidratata o purea o sciroppata o succo o marmellata
. proteine : pesce ( es. surimi) ,latte e latticini
. dolcificanti : succo d'agave, miele.

Siete curiosi di sapere nel dettaglio gli alimenti funzionali dei nostri campioni??

Appuntamento solo rimandato al prossimo articolo..

Nel frattempo, impariamo ad ascoltarci non solo quando pedaliamo ma anche quando ci alimentiamo e meglio ancora quando pedaliamo e ci alimentiamo!


18 luglio 2012

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!

banner
banner
banner
banner
banner