Articoli 
martedě 22 ottobre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Rubriche tecniche Preparazione   
Inserito il 13 giugno 2012 alle 08:04:53 da Enrico Cavallini. - Letto: (3429)

La verifica della corretta esecuzione degli allenamenti

Approntato uno schema di allenamento con l'atleta basato sui suoi obbiettivi e il tempo a disposizione, il preparatore dovrà essere a stretto contatto per la verifica che il lavoro impostato dia i benefici cercati.

dott. Francesco Bondi
Francesco Bondi, nato a Rimini il 26.11.1974, residente in Bellaria Igea Marina, da cinque anni vive a Castiglione delle Stiviere (MN).

La mia grande passione per lo sport praticato fin da piccolo mi ha portato a esercitare, negli anni, numerose discipline sportive sempre con molta passione e divertimento.

Con il ciclismo, in particolare, è scattata la mia passione più autentica tantè che, una volta conosciuto ed iniziato a praticare, non ho più mollato questo magnifico sport.

La dedizione per lo sport ed in particolare per il ciclismo mi ha invogliato da prima a conseguire il patentino da Direttore Sportivo di 1° Livello, e poi ad iscrivermi al corso di Laurea in Scienze Motorie per approfondire ulteriormente, anche a livello scientifico, il significato di SPORT, PREPARAZIONE, ALIMENTAZIONE.

Così nel 2009, dopo la Tesi di Laurea Metodologie dallenamento nel ciclismo: applicazione, sviluppo e risultati, ho intrapreso lattività di preparatore atletico con lobiettivo di promuovere la cultura dello sport in mezzo ai giovani e soddisfare le esigenze degli atleti, mettendo a disposizione le conoscenze acquisite e lesperienza accumulata negli anni di ciclismo praticato.

Dopo avere eseguito il test, il preparatore con unadeguata analisi dei dati riscontrati, predispone all'atleta un programma personalizzato in base al tempo a disposizione e agli obiettivi concordati insieme. Il programma base di inizio stagione viene di norma improntato attraverso microcicli di lavoro di due giorni di training ed uno di riposo, alternando lavori di fondo con ritmi moderati a lavori di sviluppo delle capacità condizionali dell'atleta: Forza Resistenza - Forza Esplosiva - Potenziamento aerobico in pianura e in salita.

Si riporta di seguito un esempio di sezione di lavoro.

 

1) Forza Resistenza
Durata seduta 2h 30' circa
40' riscaldamento ritmo Lento/lungo
Salita pendenza max 5% durata 20' circa
Alternare 2' 45/50 rpm ritmo medio  2' salendo in agilità (fino in cima)
Velocizzazione in pianura 15' 100 rpm ritmo lungo

2) Forza Esplosiva
Durata seduta 2h circa
30' adeguato riscaldamento ritmo lento/lungo
3x 4 sprint partendo da bassa velocità 15 Km/h
Seduto 53x12 20'' sprint max  1'40'' di recupero
Seduto 53x17 20'' sprint max - 1'40'' di recupero
In piedi 53x 12 20'' sprint max  1' 40'' di recupero
In piedi 53x17 20'' sprint max  1' 40'' di recupero
7' di recupero ritmo moderato

3) Potenziamento aerobico in pianura e in salita.
Durata seduta 3h circa
40' adeguato riscaldamento ritmo lento/lungo
4x10' ritmo medio in pianura/falsopiano:
10' ritmo medio 60 rpm
7' recupero ritmo lento/lungo
10' ritmo medio 80 rpm
7' recupero ritmo lento/lungo
10' ritmo medio/veloce 90 rpm
7' recupero ritmo lento/lungo
10' ritmo medio percorso vallonato
Dopo ogni microciclo incrementare di 5' la durata dei lavori e aumentare di una serie il lavoro di Forza Esplosiva.

Durante questa fase l'atleta e il preparatore devono essere in stretto contatto per un continuo scambio dei dati necessari alla verifica della corretta esecuzione del programma e del buon andamento dell'allenamento. Tali dati (frequenza cardiaca, watt, cadenza di pedalate, velocità media, velocità massima) vengono forniti al preparatore attraverso strumenti specifici d'allenamento che vanno dal più semplice cardiofrequenzimetro, ai più sofisticati sistemi di misurazione come SRM, Powertap, Garmin, ecc.

Attraverso la lettura di questi dati il preparatore può comprendere se l'allenamento predisposto in precedenza è adeguato agli obiettivi prefissati e se il lavoro assegnato viene metabolizzato dall'atleta.

Di seguito alcuni esempi di dati rilevati con sistema SRM

1) File d'allenamento scaricato da misuratore di potenza SRM, durante allenamento di Fondo con sei salite. Per ogni scalata vengono rilevati frequenza media, watt medi, velocità media e tempo di scalata.

2) File d'allenamento scaricato da misuratore di potenza SRM, durante allenamento di sviluppo Forza Resistenza e Potenziamento aerobico.

 

 

Nella fase di salita la linea verde (watt) e la linea rossa (frequenza cardiaca) risultano avere un andamento altalenante dovuto alle ripetute di forza alternate al recupero in agilità

 

Ovviamente lo scambio dei dati tra atleta e preparatore deve continuare durante tutto il programma di allenamento ma, nello specifico, durante questa prima fase lo scambio è fondamentale per potere verificare, sin dall'inizio, la corretta esecuzione dei lavori e l'adeguatezza del programma in quanto, proprio durante questo stadio si gettano le basi per l'intera stagione.

13 giugno 2012

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!