Articoli 
venerdė 22 novembre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Rubriche tecniche Legale   
Inserito il 24 aprile 2012 alle 11:29:41 da Avv. Emiliano Borgna. - Letto: (5531)

Via i punti dalla patente anche in bici? Sì o no?

Terza tematica delle questioni di interessi giuridico che ci porta ad affrontare la problematica inerente le sanzioni accessorie del codice della strada con particolare riferimento a chi usa le due ruote a pedali.

avv.ti Cinzia ed Emiliano Borgna

Cinzia Borgna nasce a Savona il 3 settembre 1972.

Il 2 febbraio 1996 si laurea in Giurisprudenza all'Università di Genova con tesi di Diritto Penale, comparato con il sistema britannico, sulla "Repressione penale del furto: ordinamento inglese e ordinamento italiano a confronto" con il Prof. Paolo Pisa, riportando la votazione di 105/110.

Durante l'anno accademico 1993-1994 frequenta un corso di informatica presso la Corte d'Appello di Genova, per ricercare documentazione giuridica mediante l'accesso alla Banca Dati "Italgiure Find" della Corte di Cassazione.

L'anno accademico 1998–1999 la vede superare con profitto a Genova l'Esame di stato conseguendo il titolo di Avvocato.

Nel 2000 supera il concorso di dottorato di ricerca presso l’università degli Studi di Genova in materia di Metodi e tecniche della formazione e valutazione delle leggi, mentre nel 2004 consegue il titolo di Dottore di ricerca con tesi di dottorato in materia di diritto parlamentare “I pareri parlamentari sugli schemi di atti normativi del governo”. Tutor Dott. Nicola Lupo, docente di diritto pubblico, consigliere parlamentare presso Camera dei Deputati.

Titolo di Dottore di ricerca in Metodi e tecniche della formazione e valutazione delle leggi presso l’Università degli Studi di Genova, Facoltà di Giurisprudenza con il Prof. Alberti e il Prof. Luther.

Emiliano Borgna nasce a Savona il 27 luglio 1979.
L'11 febbraio 2003 consegue la Laurea in Giurisprudenza – Tesi di Diritto Urbanistico recante il titolo: ”La disciplina espropriativa nel nuovo testo unico”– Relatore Prof. Giovanni Cofrancesco (110/110 con Lode).

Nel 2007 affronta l'abilitazione all’esercizio della professione di Avvocato. Il 18 ottobre del 2007 arriva l'iscrizione al Foro di Genova.

Infatti ai sensi dell’articolo 3, comma 48 – 1 e 2 della Legge sulla sicurezza approvata l’8 agosto del 2009 “nell’ipotesi in cui ai sensi del presente codice, è disposta la sanzione amministrativa accessoria del ritiro, della sospensione o della revoca della patente di guida e la violazione da cui discende è commessa da un conducente munito di certificato di idoneità alla guida di cui all’articolo 116, commi 1-bis e 1-ter, le sanzioni amministrative accessorie si applicano al certificato di idoneità alla guida secondo le procedure degli articoli 216, 218 e 219. In caso di circolazione durante il periodo di applicazione delle sanzioni accessorie si applicano le sanzioni amministrative di cui agli stessi articoli. Si applicano, altresì, le disposizioni dell’articolo 126-bis. 2. Se il conducente è persona munita di patente di guida, nell’ipotesi in cui, ai sensi del presente codice, sono stabilite le sanzioni amministrative accessorie del ritiro, della sospensione o della revoca della patente di guida, le stesse sanzioni amministrative accessorie si applicano anche quando le violazioni sono commesse alla guida di un veicolo per il quale non è richiesta la patente di guida. In tali casi si applicano, altresì, le disposizioni dell’articolo 126-bis».

La ratio della norma, con riferimento all’utente ciclista, era quindi molto chiara: il Legislatore estendeva così la punibilità con la conseguente sottrazione dei punti se si era in possesso di una qualsiasi patente di guida, anche a tutti quelli che guidavano una bicicletta o magari un carro trainato da cavalli.

Questo naturalmente ed inetivitabilmente andava a creare una palese ed evidente disparità di trattamento tra i ciclisti di volta in volta sanzionati perché era sanzionabile chi possedeva la patente di guida con la decurtazione dei punti mentra lo era con la sola sanzione amministrativa chi non ne era in possesso.

La sanzione accessoria della decurtazione dei punti (oltre a quella amministrativa comunque applicata) poteva altresì consistere anche in sospensione della patente di guida a seconda dell’infrazione commessa alla guida del velocipede (es. guida in stato di ebrezza).

Si sono così susseguite vere e proprie battaglie di ricorsi nei vari gradi di giudizio con ricorsi presentati dai ciclisti sanzionati che adducevano anche motivi di incostituzionalità della norma con riferimento alla legittimità costituzionale dell’art. 219 C.d.S. in contrasto con gli articoli 3 (uguaglianza), 24 (diritto alla difesa) e 97 (imparzialità della Pubblica Amministrazione).

Il Giudice di Pace di Verona, cui un ciclista sanzionato si era rivolto per ottenerne il riparatorio annullamento, sollevava pertanto questione di legittimità costituzionale della norma suindacata e rimettava gli atti alla Corte.

La Corte Costituzionale, con l’ordinanza n. 201 del 6 luglio 2011, in punto di diritto “precisato che «la decurtazione dei punti della patente e' una sanzione che colpisce la persona», ritiene che la disposizione impugnata si ponga in contrasto con gli artt. 3, 24 e 97 della Costituzione;
che, in particolare, l'art. 219-bis, comma 2, prevederebbe una «disparita' nell'applicazione» della sanzione amministrativa personale - (costituita dalla decurtazione dei punti) - «tra conducenti di veicoli per i quali non vi e' l'obbligatorieta' dell'abilitazione alla guida, come nel caso in esame tra ciclisti che, pur violando una stessa norma del C.d.S., vengono sanzionati in modo difforme a seconda che siano o meno titolari di documento di guida», dal momento che, a fronte di una medesima violazione, il possesso dell'abilitazione alla guida «non puo' comportare una diversa e piu' pesante sanzione rispetto a chi non l'ha ottenuta»;
che la norma violerebbe, altresi', l'art. 24 della Costituzione, sotto il profilo della tutela del diritto alla difesa, perche' non prevede «alcun ricorso avverso la automatica decurtazione dei punti»;
che e' intervenuto nel giudizio il Presidente del Consiglio dei ministri, rappresentato e difeso dall'Avvocatura generale dello Stato, chiedendo che la questione sia dichiarata inammissibile, per essere stata la norma impugnata abrogata dall'art. 43, comma 2, lett. b), della legge 29 luglio 2010, n. 120 (Disposizioni in materia di sicurezza stradale).
Considerato che il Giudice di pace di Verona dubita della legittimita' costituzionale dell'art. 219-bis, comma 2, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada) - introdotto dall'art. 3, comma 48, della legge 15 luglio 2009, n. 94 (Disposizioni in materia di sicurezza pubblica) - nella parte in cui prevede «l'applicazione delle sanzioni amministrative accessorie del ritiro, sospensione o revoca della patente di guida per chi commette violazioni» del codice della strada «conducendo un veicolo per cui la patente non e' richiesta» e nella parte in cui stabilisce «che trovano altresi' applicazione le disposizioni di cui all'art. 126-bis [del codice della strada], in materia di patente a punti», per violazione degli artt. 3, 24 e 97 della Costituzione; che, successivamente all'ordinanza di rimessione, la norma censurata e' stata abrogata dall'art. 43, comma 6, della legge 29 luglio 2010, n. 120 (Disposizioni in materia di sicurezza stradale), con decorrenza dal 30 luglio 2010;
che, a prescindere dai molteplici profili di inammissibilita' della questione, per l'assoluta carenza di motivazione in punto di rilevanza e per l'omessa motivazione circa la asserita violazione dell'art. 97 Cost., occorre restituire gli atti al giudice rimettente, perche' operi una nuova valutazione della rilevanza e della non manifesta infondatezza della questione (ex plurimis ordinanze n. 145 e n. 38 del 2010)”.

Pertanto alla luce di quanto sopra permane in capo al ciclista, essendo il conducente di un veicolo, l’obbligo di attenersi scrupolosamente alle disposizione del Codice della strada; in caso di infrazioni commesse alla guida del proprio velocipede allo stesso potrà essere inflitta la sanzione pecuniaria prevista dalla norma ma non potrà essergli applicata la decurtazione dei punti della patente.



24 aprile 2012

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!