Articoli 
mercoledė 23 ottobre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Sezione granfondo    
Inserito il 13 marzo 2012 alle 08:45:49 da Enrico Cavallini. - Letto: (4515)

Roberto Portunato - Mr. Vigili del Fuoco

Una lunga esperienza di gestione del ciclismo giovanile, per poi passare nella gestione di squadre di Football americano, per tornare nel ciclismo a piene mani con la gestione della Polisportiva CRAL Vigili del Fuoco di Genova. Tante idee e tanti progetti nel cassetto.

di Enrico Cavallini (foto Play Full)

Roberto Portunato


Nato a La Spezia il 3 ottobre 1961

Residente a: Carasco (GE)

Attuale occupazione: Presidente della Polisportiva VVF

Squadre gestite, relativa mansione e anno di competenza:
esperienza dirigente Promociclo La Spezia e Team Manager in altre discipline sportive(Football Americano) per circa dieci anni.
Ciao Roberto,
dal 2012 sei di fatto il presidente della Polisportiva CRAL Vigili del Fuoco di Genova. Una mansione importante e anche onerosa in termini di tempo e di impegno. Noi ti conosciamo come responsabile del settore strada grazie alla squadra di granfondo che piano piano hai fatto crescere in questi anni.

Di quali settori si occupa la polisportiva e qual è l'impegno richiesto nel gestirla?
La Polisportiva ha all’attivo quattro discipline (MTB, Enduro Downhill, Triathlon,Strada Granfondo). Ogni disciplina ha uno staff specifico di responsabili e il Presidente (io) coordina unitamente ai suoi collaboratori le attività.

Ovviamente avrai più responsabili, uno per ogni settore. Che rapporto hai con loro?
Un rapporto più che ottimo, di scambio, di confronto e condivisione delle problematiche esistenti per ogni tipo di attività.

La squadra granfondo dei Vigili del Fuoco di Genova è presente nell'ambiente già da qualche anno e l'abbiamo vista crescere poco per volta, ma in continuo miglioramento. Che linea di gestione hai scelto?
Questo è un progetto che è nato cinque anni fa, con un gruppo di atleti della zona, senza ambizioni iniziali, consapevoli che, per creare qualcosa di solido, ci sarebbe voluto del tempo, ma con le idee ben chiare per creare qualcosa d’importante nelle nostre zone. Certamente c’è stata la mano esperta dello Staff che ha saputo inizialmente creare una società strutturata quasi professionalmente, dopo di che si è dedicata alla ricerca di atleti importanti per il salto di qualità.

Il roster 2012 è di tutto rispetto con nomi altisonanti. Tante riconferme e nuovi ingressi. Su quali di questi atleti punterete maggiormente?
Per quanto riguarda il Medio fondo è stato riconfermato quello dell’anno scorso, con l’innesto  di altri atleti importanti. Sicuramente punteremo su Enrico Saccomanni capitano indiscusso, ma mi aspetto grandi cose anche da altri atleti di prestigio come Saverio Crocetti, Gabriele Benedetti e Vadimir Smirnov.
Per quanto riguarda le donne punto su Ilaria Lombardo. Nel Team Gran fondo ci daranno soddisfazioni Jamie Burrow e Bruno Sanetti.

Un inizio di stagione che ha portato già un primo podio con il secondo posto assoluto sul percorso corto di Cecina di Saverio Crocetti. Ancora in ombra i “lunghisti”. Quando scatenerete la battaglia a pieno ritmo?
Quest’anno abbiamo avuto un po’ di problemi con la preparazione di alcuni atleti senza contare che altri sono stati presi all’ultimo minuto della nostra campagna acquisti. Aggiungiamo che il tempo che non è stato clemente. Non saremo competitivi certamente per l’inizio stagione con tutto l’organico, ma penso già di vedere qualcosa per fine marzo.

All'interno del vostro calendario di partecipazioni, avete delle manifestazioni alle quali puntate in modo particolare e con quale atleta?
Nessuna in particolare, il nostro obiettivo è essere protagonisti in ogni gara a cui partecipiamo.

Avete incrementato anche l'organico delle donne. A quando il loro esordio?
La nostra Lombardo ha già iniziato a Cecina, ma le migliori prestazioni verranno più avanti. Mentre Silvia Bianco, a causa di un brutto infortunio ciclistico, inizierà più avanti.

Il vostro è un pool di sponsor di tutto rispetto, anche con aziende d'alto livello. Quanto aiuta il nome dei Vigili del Fuoco, al momento della ricerca degli sponsor?
Sicuramente il nome dei Vigili del Fuoco è una garanzia per gli sponsor e i nostri addetti all’immagine e ricerca sponsor hanno una marcia in più quando si presentano. Tuttavia è sempre difficile ottenere finanziamenti visto il periodo di crisi generale.

Recentemente sei anche diventato padre di una bellissima bambina. Come riesci a coniugare l'attività da manager con la famiglia?
E’ tutto merito della pazienza e dell’amore della mia compagna che non solo mi aiuta nella gestione della società, ma condivide con me la mia passione permettendomi di fare ciò che faccio.

Obiettivi futuri personali?
Vorrei far crescere ancora di più la polisportiva nei vari settori di attività presenti al suo interno. Inoltre vorrei dare risalto anche alle altre attività della ASD e valorizzare il settore gran fondo.
Desidero che la nostra Polisportiva diventi un punto di riferimento del ciclismo nelle nostre zone per tutti gli appassionati di questo sport.

Ti ringrazio per la gentile collaborazione,
e auguro un in bocca al lupo a tutta la polisportiva.

enrico cavallini

(12 marzo 2012)


 

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!