Articoli 
martedě 22 ottobre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Sezione granfondo    
Inserito il 07 febbraio 2012 alle 21:38:47 da Enrico Cavallini. - Letto: (2474)

Piernicola Pesce - Mr. LoaBikers

E' il presidente del gruppo LoaBikers che normalmente si occupano della Scorta Tecnica motociclistica delle granfondo, per due volte all'anno indossano i panni degli organizzatori e mettono in pista la Granfondo Città di Loano e la Granfondo Site da Pria (Città di Pietra Ligure). Ma quest'anno il meteo non ha voluto assecondarlo costringendolo a rinviare la Granfondo di Città di Loano.

di Enrico Cavallini (foto Play Full)

Piernicola Pesce



Nato ad Alassio (SV) il 24 maggio 1963

Residente a:  Ceriale (SV)

Manifestazioni organizzate:
Granfondo Città di Loano
Grandondo Site da Pria (Città di Pietra Ligure)

Attuale occupazione:
autista dello scuolabus del Comune di Loano
Ciao Pier, quest'anno la stagione granfondistica sembra non volere decidersi a partire. Si è iniziato con lo spostamento della 2a Granfondo Città di Loano – Hersh, e a seguire anche la Granfondo di Laigueglia.

Il brutto tempo ha martoriato mezzo Italia. Dapprima sembrava che la granfondo si potesse fare, poi, il giovedì precedente, è giunta la notizia dello spostamento. Come mai questa scelta?
In primo piano la sicurezza dei ciclisti e poi la gran fondo deve essere una festa per tutti, bambini e accompagnatori e personale organizzativo e la temperatura a 2 gradi e vento forte non mi è parsa una situazione sufficiente a garantire una bella e festa senza rischi.

Una scelta difficile, soprattutto per le nuove richieste dei permessi che di solito necessitano di 30 giorni di preavviso; un lasso di tempo che ti avrebbe portato troppo in là nel calendario. Come sei riuscito a convincere la provincia a muoversi in così poco tempo?
Devo ringraziare personalmente il Presidente della Provincia di Savona, Angelo Vaccarezza, che, capita la situazione, ha chiuso un occhio sui termini burocratici, mettendoci in condizione di poterla spostare senza troppi intoppi.

In questa edizione hai messo in piedi una manifestazione con i fiocchi. Quali sono stati i punti di forza?
Sicuramente la comunicazione ha giocato un ruolo fondamentale a far conoscere il vasto programma, dall'Apericena con testimonial d'eccezione quali Andrea Noè e Claudio Chiappucci, poi la logistica interamente sul mare, ma anche l'ausilio del Gruppo di Alpini e di tutti i volontari pronti a dare una mano.

Spostarsi al 26 febbraio, andando verso la fine dell'inverno, non potrebbe essere un periodo forse più consono per la manifestazione?
Sì, certamente, però nelle edizioni passate ci siamo abituati un po' troppo ad un clima “primaverile” e quest'anno ci ha preso in castagna.

Perdere lo status di “prima gara del calendario”, con un buon prodotto come quello che hai messo in piedi, sarebbe così limitante?
Non essendo inserita in nessun circuito è importante aprire la stagione, perché i ciclisti non vedono l'ora di iniziare a correre.

Tu, insieme a tutto il gruppo dei LoaBikers, organizzate anche la Granfondo Site de Pria di fine stagione. Metterai le mani anche su questa per creare un evento di un certo livello?
Sicuramente dobbiamo modificare sia la logistica che il percorso. Il nostro obiettivo è di creare un come a Loano.

I LoaBikers organizzano la prima e l'ultima del calendario: e durante la stagione di cosa vi occupate?
Tra la prima e ultima granfondo di stagione, siamo impegnati a svolgere, con il nostro gruppo, un servizio di scorta tecnica a un buon livello in gare professionistiche, dilettantistiche e amatoriali in Liguria, Piemonte e Lombardia.

Bene, ti ringrazio per la tua gentile cortesia e... arrivederci a Loano il 26 febbraio.

Enrico Cavallini


(7 febbraio 2012)
 

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!