Articoli 
martedě 22 ottobre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Sezione granfondo    
Inserito il 13 luglio 2011 alle 15:22:42 da Enrico Cavallini. - Letto: (5701)

Giuseppe Sorrenti Mazzocchi - Il futuro consulente legale

Laureato in Giurisprudenza, si sta specializzando in Diritto Civile. Maestro nazionale di snowboard ha passato la giovinezza sulla neve, usando la bici per mantenere la forma in estate. Ha iniziato con le granfondo due anni fa e ora ha vinto la Maratona dles Dolomites. Conosciamo questo nuovo fenomeno del ciclismo amatoriale italiano che sta scatenando l'invidia di molti.

di Enrico Cavallini (foto Play Full)

Giuseppe Sorrenti Mazzocchi

Nata a: Montebelluna (TV)

Il: 21 febbraio 1985

Residente a:  Treviso

Squadre:
2009: BICI E BIKE (Amatoriale)
2010: TEAM GRANFONDO PINARELLO (Amatoriale)
2011: TEAM X-BIONIC

Attuale occupazione:
Laureato in giurisprudenza, specializzando in Diritto Civile

Ciao Beppe, ti conosciamo come uno dei due X-MEN, gli uomini di punta del TEAM X-BIONIC che piano piano si sta mettendo in mostra in questa stagione. Così come ti stai mettendo in mostra tu con la vittoria ad Acqui Terme, il bel secondo posto ottenuto ad Aprica alla Granfondo Giordana e la splendida vittoria alla Maratona dles Dolomites in diretta RAI, oltre ai numerosi piazzamenti. Un volto e un nome nuovo il tuo nel mondo delle granfondo. Abbiamo cercato qualche informazione con Google, ma, oltre a quello che già sapevamo, non abbiamo scoperto grandi cose. Ci devi dare una mano a conoscerti meglio.

Quando e perché hai deciso di salire in bicicletta?
Sono un amatore purissimo, non ho mai corso in alcuna categoria, non ho mai fatto il dilettante, anzi… sono salito in bici all’età di 16 anni, percorrendo 2-3000 km all’anno; la bici era un mezzo finalizzato solo a tenere la gamba in allenamento in vista della stagione invernale (sono maestro di snowboard per l’appunto). A 24 anni ho partecipato ad un paio di gran fondo, ma senza il pensiero della classifica in testa. Mi entusiasmarono a tal punto che lo scorso anno ne completai una 15ina circa e, incrementando gli allenamenti, i risultati hanno cominciato ad arrivare. Quest’anno grazie al TEAM X-BIONIC e alla possibilità di poter correre quasi tutte le domeniche, l’aumento ulteriore degli allenamenti e una maggiore continuità…beh il resto lo sapete!

Sappiamo che hai praticato altri sport in precedenza. Di cosa si è trattato? Come te la cavavi?
Come appena detto pratico tuttora sci e snowboard; nel secondo sono maestro nazionale. Sai, essendo uno sport che pratico sin da bambino diciamo che me la cavo meglio che in bici, se non altro per l'esperienza!

Come sei arrivato alla X-BIONIC?
Al TEAM X-BIONIC sono arrivato grazie ad un amico che mi ha messo in contatto con Luigi Isola, il nostro DS e Presidente, ma direi anche amico essendo molto giovane ed avendo un passato da corridore anche lui. Per molte similitudini caratteriali ci siamo trovati subito bene.

Abbiamo notato che hai un gran motore, ma poca esperienza in corsa che spesso ti pregiudica un risultato migliore. Hai qualche mentore che ti sta seguendo o lasci all'esperienza il da farsi?
In realtà mi ritengo molto fortunato, più che discepolo. Fortunato perché ho il privilegio di allenarmi con professionisti come Alessandro Bertuola, che “in primis” è un amico e mi regala sempre consigli preziosi, oltre che lunghe chiacchierate nelle nostre frequentissime uscite d’allenamento e, di tanto in tanto, con Murillo Fischer, altro noto prof, quando non è impegnato con la squadra.

Che titolo di studio hai?
Laurea in giurisprudenza

Hai un lavoro? Di cosa ti occupi durante la giornata?
Divido la giornata tra allenamenti e studi di specializzazione

Ce la racconti una tua giornata tipo?
Mi alzo molto presto, alle 6, studio 2h, colazione, ed allenamento (la maggior parte delle volte con Alessandro). Rientro, pranzo e di nuovo studio fino a sera!

Come ti trovi nel team di Luigi Isola? E con il compagno Federico Incardona (già ospite nella nostra rubrica)?
Beh come sopra accennato con Luigi mi trovo benissimo; e' molto preciso, puntuale e soprattutto non fa mai pesare nulla, anzi, anche nei momenti difficili sa spronarci o tranquillizzarci, e soprattutto essendo stato anche lui corridore (beh dai possiamo togliere l'anche... io non sono un vero corridore), ci capisce sempre: tutte cose impagabili!
Con Federico vi e' sempre un ottimo accordo ed intesa, mi consiglia e mi assiste nelle piccole cose in corsa dove io pecco a causa della mia inesperienza, ma anche nelle grandi grazie alla sua di esperienza.

Sei fresco vincitore della Maratona dles Dolomites in un'azione che ha dell'epico. Quando hai creduto che avresti potuto farcela?
Ho cominciato a crederci quando ho staccato il gruppetto con cui ho imboccato il Giau ed ho visto che le gambe rispondevano davvero bene … quando poi ho visto Snel alcun tornanti sopra mi son detto: “Ora tieni duro che puoi farcela”

La prima sensazione che hai provato tagliando il traguardo a Corvara?
Ma sai è difficile dirlo… non ci credevo quasi… è difficile descrivere un’emozione… forse questo è il modo più appropriato: un sogno che diventa realtà!

Quali obiettivi o sogni hai per il tuo futuro sportivo?
Beh in realtà il mio sogno l’ho appena realizzato, ora vorrei confermarmi magari con la Dolomiti Stars.

Invece quali obiettivi o sogni hai per il tuo futuro lavorativo?
Molte cose nel cassetto, ma per ora non mi sbilancio!


 
Ti ringrazio per la gentile collaborazione e ti auguro un in bocca al lupo per le prossime gare.

Enrico Cavallini

(13 luglio 2011)




 

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!