Articoli 
giovedė 14 novembre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Sezione granfondo    
Inserito il 29 marzo 2016 alle 20:11:18 da ale.ferrarotti. - Letto: (1826)

La Granfondo Davide Cassani sempre più rivolta ai giovani

Nel giorno di Pasquetta, è andata in scena una delle più importanti granfondo del panorama nazionale. La "Granfondo Davide Cassani" oltre all'appuntamento amatoriale, per il secondo anno consecutivo butta un occhio ai giovani proponendo nel pomeriggio una corsa juniores di altissimo livello con più di 150 atleti.

 
(Testo di Elisa Solida, foto Play Full e FotoRavenna )
La “Granfondo Davide Cassani”, nel giorno di Pasquetta, festeggia la sua 22ª edizione rendendo Faenza ancora più allegra e festosa.
Grazie a questa manifestazione, due squadre, la S.C.Ceretolese e la Pol. Zannoni, possono gestire un vivaio di circa 50 ragazzi. Davide Cassani è da oltre vent'anni che ricorda l'importanza nel praticare dello sport fin dalla giovane età; lo sport fa bene alla salute fisica e mentale.

Molti ciclisti accompagnati dalle loro famiglie non potevano mancare a questa manifestazione inserita nel loro calendario già dallo scorso anno. Una pedalata amatoriale all'insegna del divertimento e delle “sfide” amichevoli fra compagni di squadra.

La logistica, la segreteria, la consegna dei dorsali e pacco gara come nelle edizioni precedenti, è avvenuta nella splendida Sala delle Bandiere nel Comune di Faenza, situato nella Piazza del Popolo che tra l'altro sarà zona di partenza e arrivo della granfondo.

Davide Cassani ha voluto in griglia, al suo fianco, alcuni amici ex-professionisti: Michele Coppolillo, Roberto Conti, Fabiano Fontanelli e Daniele Caroli. Ospiti d'eccellenza Paolo Belli e Matteo Marzotto. Avrebbe dovuto esserci anche il nutrizionista della nazionale Iader Fabbri, non pervenuto causa frattura ad un braccio dopo una caduta in allenamento il venerdì prima della manifestazione.

Alla partenza della granfondo alle 9.30, l'Assessore allo Sport di Faenza, la Dottoressa Claudia Zivieri, riceve l'incarico di dare il via alla manifestazione, la quale comprende due percorsi: il granfondo di 130 chilometri con un dislivello di circa 2.640 metri e il mediofondo di 85 chilometri con un dislivello di 1450 metri.
Al bivio dei due percorsi, posto dopo 20 chilometri in località Modigliana, per chi decide di affrontare il percorso lungo, il monte Trebbio è la prima difficoltà da superare, salita impegnativa di 6 chilometri. Per chi prosegue diritto, optando per il corto, troverà il monte Casale come prima asperità.
Sul percorso della granfondo, il gruppo rimane compatto fino all'attacco della seconda salita del monte Chioda: 10 chilometri di lotta nei quali allo scollinamento è Giuseppe Corsello che riesce ad avvantaggiarsi, venendo poi raggiunto successivamente in discesa da Krys Hubert. A questo punto della gara sono una ventina gli inseguitori rimasti, tra cui Igor Zanetti, il quale al 115° chilometro, a seguito di una serie di scatti, in solitaria si riporta su Krys Hubert. I due in comune accordo si presentano sul rettilineo d'arrivo, dove è Zanetti ad imporsi in volata su Hubert. Al terzo posto si piazza Vincenzo Pisani, regolando il gruppetto degli inseguitori in volata.

Al femminile è il Team Somec MG.K Vis LGL a dominare la granfondo. Infatti, la vittoria è andata a Barbara Lancioni che ha preceduto le compagne di squadra Odette Bertolin e Manuela Bugli.


Nel percorso corto, sul rettilineo d'arrivo si è presentato un terzetto composto dai due compagni di squadra Emanuele Bucci e Christian Pazzini (SS Frecce Rosse) e Samuele Scotini (ASD Fd Steel).
I tre si sono giocati la vittoria in volata, nella quale ha avuto la meglio Bucci su Scotini. In terza piazza si posiziona Pazzini.

Nel pomeriggio la "Granfondo Giovani", riservata alla categoria Juniores alla sua seconda edizione. La partenza data alle 14.30 da Solarolo (Ravenna), paese natale di Davide Cassani. Oltre 150 atleti appartenenti a 25 squadre, hanno affrontato i 95 chilometri con l'arrivo posto in piazza del Popolo a Faenza, dove verso le ore 17.00, ad alzare le mani e a gridare vittoria è Matteo Donega (S.S.Sancarlese Phonix Borghi Bike) seguito da Piergiorgio Cardarilli (Team Coratti – GM Europa Ovini), la terza posizione se l'aggiudica Andrea Menghi (Elite Service Campadelli).


I ringraziamenti vanno alla Polizia Stradale, alla Polizia Urbana del comune di Faenza, a tutti i Comuni che la gara ha attraversato, alla Protezione Civile Romagnola, al Gruppo Ciclistico USC Castel Bolognese che ha gestito i ristori lungo il percorso, al Gruppo Sportivo di Marzeno che ha gestito la sicurezza agli incroci e alla Cooperativa Gemos che si è occupata del Pasta Party.
Per la sicurezza agli incroci della gara degli juniores, svoltasi nel pomeriggio, un grazie va dato al Gruppo Avis di Faenza.

( 29 Marzo 2016 )

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!