Articoli 
mercoledģ 13 novembre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Sezione granfondo    
Inserito il 17 marzo 2016 alle 17:56:37 da ale.ferrarotti. - Letto: (7510)

Intervista a Simona Parente

Questa settimana, sotto la lente d'ingrandimento, l'ex-professionista Simona Parente. Nata a Torino ma residente a Pontedera. Madre di tre figli, ci svela il segreto di come concilia famiglia, lavoro e bicicletta.

di  Alessandro Ferrarotti, foto Simona Parente

Simona Parente

Nata a: Torino (TO)
Il:
24 Aprile 1974

Attività: infermiera - amatore per il Team Somec - MG.K Vis - LGL

Squadre:
1993 Merate Cantine Pirovano (professionista);
1997
Edilsavino (professionista);
1999-2000  
 Gas Sport Team (professionista);
2001-2002
Edilsavino (professionista);
2003
Team Catalunya - Aliverti - Kookai, fino al 29 aprile (professionista);
USC Chirio - Forno d'Asolo, dal 26 maggio (professionista);
2016

Team Somec - MG.K Vis - LGL
 (Amatore).

Risultati di Simona Parente:

1995
10° Trofeo Alfredo Binda;
1996
7° Trofeo Alfredo Binda;
10° Campionati Europei;
1997   
1° G.P. Cento Carnevale d'Europa;
3° Giro d'Italia, Tappa n.1;
4° Giro d'Italia, Tappa n.12;
7° Trofeo Beatrice;
10° World Championship Road Race - San Sebastian (ESP).
1998 1° Trofeo Costa Etrusca;
1999
8° Giro d'Italia, Tappa n.12;
19° Giro d'Italia, Generale.
2000
2° Giro della Toscana - Memorial Michela Fanini;
5° Giro del Piave;
17° World Championship Road Race - Plouay (FRA).
2001
1° Giro d'Italia, Tappa n.7;
1° Grande Boucle féminine / Tour Cycliste féminin;
6º in Trofeo Alfredo Binda;
5° Trofeo Riviera della Versilia.
2002
1° Giro della Toscana - Memorial Michela Fanini, Tappa n.3;
 2º in Brest - Pont-de-Buis (F), Pont-de-Buis (Bretagne), France;
2º in GP Suisse Féminin (F), Switzerland;
6° Giro della Toscana - Memorial Michela Fanini, Tappa n.2;
6° Giro della Toscana - Memorial Michela Fanini, Generale.
2003 4° Trofeo Alfredo Binda
2016 1° Granfondo Città di Loano
1° Granfondo Inkospor Val di Cecina
1° Granfondo Laiguelia Alè

Ciao Simona,

iniziamo con le consuete domande per farti conoscere ai nostri lettori

Quando e dove sei nata? Che titolo di studio hai conseguito? Attualmente, che attività lavorativa svolgi? Sei sposata e hai famiglia?
Sono nata a Torino il 24 aprile 1974. Ho una Laurea in Scienze Infermieristiche.  A volte svolgo incarichi da infermiera . Sono sposata ed ho tre figli, due femmine ed un maschio.

Quando e come ti sei avvicinata allo sport del ciclismo? Raccontaci un po' i tuoi anni da professionista, le squadre in cui hai militato e i maggiori risultati ottenuti.

 Mi sono avvicinata al ciclismo all’età di sei anni seguendo le orme di mio fratello che praticava già questo sport. Ho corso più di dieci anni tra le professioniste ottenendo più di trenta vittorie, tra cui le più prestigiose: tappe al Giro d’Italia, tappa al Tour de France, classifica generale della Midì  Pirenèè (Francia), classifica generale Giro del Giappone e tante altre.
Ho partecipato anche a tre Campionati Mondiali ed un Campionato Europeo : San Sebastian 1997 (Spagna) 10° classificata,  Plouay 2000 (Francia), Valkenburg 1998  (Olanda) ed Isola di Man 1996 (Inghilterra) 10° classificata.
Ho militato in importanti squadre come: la Merate Cantine Pirovano (con Canins, Bonanomi, Chiappa), la Gas Sport Team (con sorelle Cappellotto, Pregnolato, Luperini), la Edil Savino (sempre con Luperini, Pregnolato, Brandli ed altre atlete molto quotate) e la USC Chirio-Forno d'Asolo.

 Dopo aver cessato l'attività professionistica hai continuato a pedalare o per un periodo hai smesso? Quando hai iniziato a praticare le granfondo?

Ho smesso con l’agonismo nel 2003 e mi sono iscritta all’università conseguendo la Laurea in Scienze Infermieristiche. Nel 2007 è arrivata la mia prima bimba Martina, nel 2008 ho avuto Andrea e nel 2013 Viola.
Ho ripreso la bicicletta insieme a mio marito nel 2015 per rimettermi in forma e dopo un mese di allenamento ho preso il via alla mia prima granFondo.

Cosa cambia dal mondo professionistico a quello amatoriale secondo te?

È molto differente l’impegno. Prima per me era un lavoro che mi assorbiva totalmente, ora invece, è uno svago che pratico nei miei ritagli di tempo per stare con gli amici e divertirmi.

Raccontati un po' come atleta. ( Caratteristiche, punti di forza, punti deboli ecc)

Mi difendo un po’ su tutti i terreni ed il mio punto di forza principale è la tenacia. Per quanto riguarda i punti deboli non ne ho….scherzo !!!

Quanto tempo dedichi settimanalmente all’allenamento? Come riesci a conciliarlo con il lavoro?
Faccio tre-quattro uscite settimanali e poi alle 12.30, di corsa a casa a preparare il pranzo ai bimbi che tornano da scuola. Tutto ciò è reso possibile grazie all’aiuto dei miei suoceri.

La stagione è iniziata subito alla grande vincendo la “Granfondo Città di Loano”, la "Granfondo Laiguelia Alè" e la "Granfondo Inkospor Val di Cecina", raccontaci come sono andate le gara e a che punto sei della condizione?
Nella gara di Loano ho cercato di correre il più possibile davanti per evitare le cadute e poi mi sono ritrovata con  Nicole Brandli, una cara amica ex compagna di squadra di tanti anni fa ed ho fatto la gara con lei fino all'arrivo dove ho tagliato il traguardo per prima.
Nella Granfondo Inkospor Val di Cecina, ho immediatamente guadagnato la testa della corsa, incrementando il vantaggio sulle inseguitrici al passare dei chilometri, fino alla vittoria.
A Laigueglia, ho fatto la stessa cosa, mi sono portata nella prima parte del gruppo sin da subito. Successivamente, dopo la prima salita, il plotone si è ridotto a circa quaranta unità; gruppetto dove sono rimasta fino alla salita di Paravenna dove ovviamente è esplosa la corsa.
Da qui all'arrivo, ormai tranquilla dal fatto che ero l'unica donna lì davanti, ho affrontato la discesa da Testico senza prendere troppi rischi ed infine ho affrontato l'ultima ascesa di Colla Micheri dove ho tagliato il traguardo a mani alzate. Sono molto soddisfatta del risultato, anche perchè sono arrivata a pochi minuti dal vincitore.
Per quanto riguarda la condizione, sono convinta di essere già ad un buon livello di forma grazie al lavoro che ho fatto questo inverno. A Laigueglia, rispetto le altre precedenti granfondo, mi sentivo ancora meglio e quindi sono molto fiduciosa per il proseguio della stagione.



Quali sono i prossimi impegni sportivi a cui parteciperai?
Non posso fare programmi a lunga scadenza a causa di tutti gli impegni che ho con la mia numerosa famiglia.

Adesso lasciamo da parte la bicicletta, raccontaci un po' chi è Simona, quali sono i tuoi hobby, i tuoi interessi e cosa fai nel tempo libero.
Simona è madre di tre bimbi, l’unico hobby è la bicicletta e la maggior parte del mio tempo lo dedico ai miei figli e a mio marito.

Grazie Simona e in bocca al lupo per il prosieguo della stagione e per la tua "attività" da mamma.

Grazie a voi!

 

( 17 Marzo 2016 )

 

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!