Articoli 
martedě 12 novembre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Rubriche tecniche Meccanica   
Inserito il 27 gennaio 2016 alle 12:22:53 da ale.ferrarotti. - Letto: (3900)

Manutenzione ordinaria: il movimento centrale.

Rumori, scricchiolii, attriti, oscillazioni anomale? Dimentichiamoci di tutti questi problemi facendo una corretta e frequente manutenzione al movimento centrale.

a cura di Giuliano Salvi - Salvi Bike Store
 

Zona molto stressata da continui e ripetuti carichi (la pedalata) e dall'acqua (lavaggio bici oppure pedalate sotto la pioggia), oggi esaminiamo e smontiamo i più diffusi sistemi attualmente in commercio, cominciando con lo smontare la guarnitura composta da pedivella destra (quella con le corone) e pedivella sinistra.

I sistemi in commercio sono vari e allora meglio dividerli per marchi e simili:

Guarnitura tipo Shimano o simili, lo smontaggio avviene allentando le due brugole (la coppia di chiusura non è elevata siamo mediamente sui 15 nm),

 (Movimento centrale Shimano )
 

(Tappo estrattore Shimano)


togliere il tappo compattatore con attrezzo specifico e sfilare la pedivella sinistra ricordandosi prima di alzare la levetta di sicurezza, ora possiamo estrarre anche la pedivella destra sempre tirando con forza; se ciò non dovesse avvenire possiamo aiutarci picchiettando leggermente con un martello di gomma sull'assale. Per il rimontaggio, inseriamo la pedivella destra, poi calziamo quella sinistra, avviciniamo tutte le parti con l'ausilio del tappo compattatore, chiudendo senza esagerare, altrimenti il movimento centrale risulterà poco scorrevole. Per finire, chiudiamo (circa 15 nm) le due brugole con la chiave dinamometrica.

 
 
(Levetta di sicurezza ed innesto pedivella)
 

(Estrazione con martello perno movimento centrale e chiusura con chiave dinanometrica)

 

Guarnitura tipo Sram e Fsa o simili per prima cosa identifichiamo su quale delle due pedivelle hanno inserito la brugola da 8 oppure da 10;

 
(Movimento centrale Sram)

svitiamo in senso antiorario, ricordando che tale brugola è chiusa con coppie di serraggio molto elevate, sempre superiori ai 40 nm, quindi niente paura e con una buona dose di forza svitiamo, noteremo che una volta allentata di un paio di giri, la vite di colpo tornerà molto dura, non preoccupatevi e continuate a svitare con forza fino alla completa rimozione della pedivella; tale sistema è chiamato auto estrattivo e non ha bisogno di estrattori dedicati (tappi e brugole varie per il suo fissaggio), ma la sola brugola ingabbiata nella pedivella provvederà al fissaggio e  smontaggio. Ora possiamo estrarre anche l'altra pedivella tirando con forza o aiutandoci picchiettando con un martello di gomma. Per il rimontaggio dobbiamo reinserire la guarnitura e chiudere rispettando la coppia di chiusura indicata sulla vite di fissaggio, mediamente sui 40/45 Nm.

 

Guarnitura tipo Campagnolo e Specialized o simili, la vite di fissaggio, solitamente è una brugola da 8 o da 10 oppure una torx T30, si trova nella parte interna del movimento centrale. Inseriamo la nostra chiave e svitiamo con forza (anche qui la coppia di chiusura supera sempre i 40 Nm) fino a quando le due pedivelle si separano e possono essere estratte dal movimento centrale. Il rimontaggio è pressoché identico alla guarnitura Sram o simili descritta sopra.

 
(Movimento centrale Campagnolo)

 

Abbiamo visto lo smontaggio e montaggio dei vari sistemi, ma ora veniamo alla vera e propria manutenzione ordinaria, perché, senza la presenza delle pedivelle, possiamo smontare il movimento centrale dal telaio ricordando, però , che ne esistono di innumerevoli modelli e misure.

Possiamo raggrupparli in tre grandi famiglie:

Filettato, in gergo ciclistico chiamato bsa, tale movimento ha due calotte avvitate esternamente al telaio, inseriamo l'attrezzo dedicato e svitiamo la calotta destra (R= right), tale calotta ha filetto ''contrario'' quindi per svitare dobbiamo girare in senso orario. Il sistema è cosi concepito per evitare lo svitamento durante le nostre pedalate, svitiamo la calotta sinistra (L=left), che si svita in senso antiorario.

 
(Movimento Centrale Filettato ed apposito estrattore)

Una volta che abbiamo estratto le calotte possiamo pulire per bene la parte filettata del telaio, togliendo eventuale sporco ed ossidazioni varie e  poi possiamo mettere un velo di grasso sui filetti che terrà lontana l'acqua.

 
(Pulitura e ingrassaggio calotte cuscinetti)

 

Prendiamo ogni singola calotta e verifichiamo nel seguente modo l' usura cuscinetti: inseriamo le dita all'interno, facendo ruotare l'esterno, se percepiamo ruvidità simile ad una piccola vibrazione, tali calotte saranno da sostituire, se invece, tutto risulta fluido e liscio, possiamo evitare la sostituzione. Per il rimontaggio vi ricordo che la calotta R (right= destra) si avvita in senso antiorario.
(Verifica situazione cuscinetto)  

Press fit, le calotte di tale movimento sono inserite a pressione nel telaio, per estrarle dobbiamo essere in possesso di un estrattore dedicato, inseriamo estrattore e tiriamo con forza fino a quando non scalziamo dal telaio la calotta, ripetiamo l'operazione con l'altra ancora inserita nel telaio; anche qui verifichiamo usura cuscinetti e decidiamo se sostituirle o mantenerle quindi, puliamo e poi ingrassiamo per bene le sedi del telaio e rimontiamo le calotte con una pressa manuale.

 
(Movimento centrale Press Fit con apposito estrattore)

 
(Estrattore dedicato e pressa manuale per il rimontaggio del movimento centrale)

 

Integrato, questa tipologia di movimento non ha le calotte ma i cuscinetti sono inseriti a pressione nel telaio, per estrarli dobbiamo munirci di un battitore, lo inseriamo e battiamo con un martello  fino alla fuori uscita del cuscinetto dal telaio;

 
(Movimento centrale Integrato e battitore)

anche qui verifichiamo usura cuscinetti, possiamo altresì pulire internamente i cuscinetti togliendo le guarnizioni, laviamo i cuscinetti con olio a base siliconica, vaselina o teflon, vietatissimo lo ''svitol'' che deformerebbe le guarnizioni. Ingrassiamo con grasso specifico, rimettiamo le guarnizioni e ora i cuscinetti sono pronti per essere reinseriti con la pressa manuale.

 
(Estrazione movimento tramte battitore e cuscinetti)
 
(Lubrificazione e ingrassaggio cuscinetti)

BUON LAVORO e...alla prossima lezione!!!


Giuliano Salvi

Nato a Zogno (Bg) nel 1970, appena conseguito il diploma di maturità scientifica, inizia a lavorare nel negozio di famiglia "Cicli Salvi" affiancando il padre.

Il 1989 vede la nascita, in società con il fratello Franco, di Salvi Bike Store, la nuova realtà legata alla vendita e riparazione di biciclette.

Nel 1992 occupa il posto di Assistente Tecnico Nazionale Militare ai Campionati Mondiali di Ciclismo a Pordenone, mentre dal 1992 al 1997 onsulente Tecnico “International cycling Team Bianchi Reparto Corse” presente su campi gara di tutti i continenti a fianco degli atleti “Bianchi”.

Non mancano le ruote grasse nell'esperienza di Giuliano, che dal 1993 al 1997 copre la carica di Consulente Tecnico Nazionale Italiana MTB ai Campionati Europei e Mondiali.

Dal 2002 è Docente Accademia Nazionale Mountain Bike - Milano.

Giuliano, esperto meccanico, tiene presso i suoi locali dei corsi di manutenzione e meccanica dedicati alle bici da strada e da fuori strada riscuotendo un notevole successo.

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!