Articoli 
martedě 12 novembre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Rubriche tecniche Meccanica   
Inserito il 30 dicembre 1899 alle 00:00:00 da Giuliano Salvi. - Letto: (9992)

Come montare la bici sui rulli

Stiamo andando verso la brutta stagione e si è soliti pensare a come tenersi in allenamento anche quando fuori la situazione meteo e il freddo non ci permettono di usare la bicicletta in strada. La soluzione più adatta ai ciclisti, senza avere stravolgimenti nelle misure e nella postura in sella, è quella di usare la propria bici sui rulli, ma è bene dare alcuni consigli su come NON rovinare o stressare troppo la nostra bicicletta e i suoi componenti.



a cura di Giuliano Salvi - Salvi Bike Store
 

Esaminiamo le 3 diverse tipologie di rulli in commercio valutando i pro e contro solo esclusivamente a livello meccanico e dinamico della bicicletta. Non prenderò in considerazione nessun altro fattore tipo programmi di allenamento, accessori e misuratori, realtà virtuale, ecc...

RULLI LIBERI

 

A livello di stress componenti e telaio questi rulli sono i migliori: nessuna forza anomala applicata al telaio o ai componenti; la bici non viene vincolata o fissata a nulla, ma sono semplicemente le ruote ad appoggiare sui rulli.

In pratica è come se usassimo la bici su strada: su questa tipologia di rulli dobbiamo mantenere l'equilibrio ed evitare di distrarci altrimenti in meno di una frazione di secondo si finisce a gambe all'aria.

Sono rulli che consentono piena libertà di esercizio, ripetute e scatti fuori sella e non hanno nessuna ripercussione sui componenti e sul telaio. Su questi rulli si può anche usare la mountan bike solo dopo aver montato copertoni stradali completamente lisci, altrimenti le vibrazioni e la rumorosità saranno insopportabili!

RULLO FISSO

 

La bicicletta viene montata completa e l'unica cosa da non dimenticare è quella di livellare la bici mettendo uno spessore sotto la ruota anteriore.

Misuriamo la distanza da terra del mozzo posteriore per poi inserire uno spessore sotto la ruota anteriore affinché la misura tra centro del mozzo e terra sia la medesima della ruota posteriore: in questa operazione facciamoci aiutare da qualcuno perché il ciclista/ utilizzatore rulli dovrà essere in sella così da comprimere con il proprio peso la gomma anteriore, il valore sarà così preciso e il nostro assetto rimarrà invariato.

A livello di stress componenti dobbiamo senz'altro prendere in considerazione la ruota posteriore: il pneumatico si surriscalderà in modo evidente poiché si troverà ad aderire al rullo e si consumerà in modo precoce. Da ciò ne consegue che sarebbe molto meglio usare un copertoncino da rullo (sono costruiti appositamente, quindi sono più rinforzati e robusti).

Pure il bloccaggio rapido tenderà a rovinarsi per il fatto che tale componente dovrà essere inserito e chiuso molto forte nel rullo affinché non ci sia lo sganciamento della nostra bici mentre spingiamo sui pedali (la conseguenza sarà una rovinosa caduta e il danneggiamento della bici). Montatene uno adatto al sistema del rullo che avete comprato, la sua forma sarà speculare con il sistema di fissaggio del rullo.

NON cercate soluzioni improvvisate: la sicurezza e la vostra incolumità sono fattori determinanti. Alcuni clienti, per evitare di rovinare la ruota posteriore, usano un'altra ruota, una ruota usata di cui non dobbiate preoccuparvi se si usurerà o rovinerà.

Anche il telaio della bici subirà torsioni e flessioni diverse da quelle del normale utilizzo su strada, fissando la ruota al rullo la conseguenza sarà che la bici rimarrà ferma sotto l'azione della pedalata, non potrà oscillare a destra e sinistra e quindi la zona della scatola movimento centrale compresi i foderi bassi del carro, il tubo piantone sella e il tubo obbliquo, avranno una torsione maggiore.

Se si decidesse di montare una mountain bike dovremo procedere alla sostituzione del solo copertone posteriore, mettendolo il più piccolo possibile e rigorosamente senza tassellatura.

CICLOMULINO

 

La bicicletta viene montata senza la ruota posteriore, di conseguenza dobbiamo acquistare anche un secondo pacco pignoni con le stesse velocità che abbiamo sulla nostra bici (9/10/11 velocità) da montare sul ciclomulino. Usando il ciclomulino la bici rimarrà già livellata e non dovremo aggiungere nessuno spessore sotto la ruota anteriore.

Ovviamente, data la sua assenza, la ruota posteriore non subirà stress e usura ma per quanto riguarda il telaio vale quanto detto sopra riguardo al RULLO FISSO.

Se volete montare la mountain bike con ruote da 29 pollici dovrete livellare la bici e in questo caso lo spessore sarà da mettere sotto il ciclomulino.

Un ultimo, ma molto importante, consiglio generale è quello di spruzzare su tutta la bici un prodotto specifico ogni volta che usiamo i rulli. Il prodotto farà scivolare l'acqua e il sudore, proteggerà la vernice del telaio, i componenti quali manubrio e attacco, leve e freni, guarnitura, viteria in generale, ecc. ecc., dall'azione corrosiva del sudore; infatti sappiamo molto bene che pedalare indoor provoca una sudorazione eccessiva e tale sudore lasciato sui componenti e sul telaio li rovinerà in modo irreparabile!

Buone pedalate.

 

 

(29 ottobre 2015)

Giuliano Salvi

Nato a Zogno (Bg) nel 1970, appena conseguito il diploma di maturità scientifica, inizia a lavorare nel negozio di famiglia "Cicli Salvi" affiancando il padre.

Il 1989 vede la nascita, in società con il fratello Franco, di Salvi Bike Store, la nuova realtà legata alla vendita e riparazione di biciclette.

Nel 1992 occupa il posto di Assistente Tecnico Nazionale Militare ai Campionati Mondiali di Ciclismo a Pordenone, mentre dal 1992 al 1997 onsulente Tecnico “International cycling Team Bianchi Reparto Corse” presente su campi gara di tutti i continenti a fianco degli atleti “Bianchi”.

Non mancano le ruote grasse nell'esperienza di Giuliano, che dal 1993 al 1997 copre la carica di Consulente Tecnico Nazionale Italiana MTB ai Campionati Europei e Mondiali.

Dal 2002 è Docente Accademia Nazionale Mountain Bike - Milano.

Giuliano, esperto meccanico, tiene presso i suoi locali dei corsi di manutenzione e meccanica dedicati alle bici da strada e da fuori strada riscuotendo un notevole successo.

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!