Articoli 
martedģ 19 novembre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Rubriche tecniche Meccanica   
Inserito il 24 settembre 2015 alle 07:25:35 da Giuliano Salvi. - Letto: (5186)

Sporchiamoci le mani e cambiamo la catena

La catena, insieme a guarnitura e pignoni, è il principale mezzo di trasmissione della nostra bicicletta. Senza la catena la nostra amata non si muove di un metro. Vediamo come sostituire la catena, quindi, oppure come ripararla in caso di rottura.



a cura di Giuliano Salvi - Salvi Bike Store
 

Per la sostituzione della catena, prima di tutto, bisogna verificare quanti pignoni ha la vostra cassetta posteriore (8, 9, 10 e 11 velocità), così siete in grado di acquistare, nel vostro negozio di fiducia, la catena corrispondente alle velocità del vostro pacco pignoni. E' bene ricordare, ad esempio, che una catena a 10 velocità ha una determinata larghezza e NON è compatibile con cassette a 9 velocità, né tanto meno con cassette a 11 velocità.

Come seconda cosa da tenere conto è la marca del pacco pignoni, infatti, in negozio, ho dimostrato più volte che, se siamo possesso di pacco pignoni di una determinata marca, è CONSIGLIATISSIMO usare catene della medesima marca anche di livelli di costo diversi, importante che siano dello stesso produttore del pacco pignoni, perché i due componenti (catena e cassetta) sono stati progettati dagli ingegneri delle aziende, per ottimizzare la silenziosità, la velocità di cambiata, la riduzione degli attriti e anche la sicurezza; può capitare che mischiare catene e cassette di marchi diversi peggiori molto la nostra trasmissione e siano, nei casi più gravi, causa di rotture della catena.

In passato ho provato anche ad usare catene NON ORIGINALI di altri produttori di catene presenti sul mercato, non riconducibili ai tre produttori più famosi di gruppi (Shimano, SRAM e Campagnolo) e il mio personale giudizio è negativo.

Prima di passare alla sostituzione sono da ricordare alcune cose:

1) la catena è costituita da maglie connesse tra di loro e si dividono in femmine e maschi;

maglia femmina

maglia maschio

2) i sistemi per congiungere la catena sono di due tipi: la possiamo unire con una falsamaglia, che può essere paragonata ad una maglia femmina (utilizzato da Sram) o con un connettore/perno catena (Shimano e Campagnolo).

falsamaglia

connettore/perno

Sono entrambi validissimi e sicuri, ma personalmente prediligo la falsamaglia per la facilità e velocità di utilizzo. La catena è riapribile dalla stessa falsamaglia (per fare qualsivoglia manutenzione), ma NON posso riutilizzarla!!

Dovrò mettere una falsamaglia nuova (3 euro circa...) mentre i connettori, una volta inseriti, sono fissi e non apribili. Aprire una catena senza falsamaglia significa forzare molto per fare uscire i perni che tengono unite le maglie e in molti casi la maglia subisce uno stress e una deformazione che, anche inserendo il nuovo connettore, quel punto lì è un anello debole! Infatti quando mi capita di effettuare questa operazione sono solito mettere un po' di smalto rosso sulla maglia che ho aperto per vedere, se in futuro, tale catena si romperà in quel punto.

CONSIGLIO: NON aprite le catene prive di falsamaglia se non è indispensabile!!!

Se proprio dovete farlo non fatelo MAI dal connettore/perno che avete utilizzato per unire la catena, e per rigiuntarla. Usate un connettore/perno nuovo! Oppure potete eliminare totalmente la maglia "femmina" per mettere una FALSAMAGLIA. Tale operazione NON è autorizzata ed è un mio personale consiglio tecnico che sono solito applicare in negozio.

3) Essere in possesso di attrezzatura idonea e di qualità:

  • smagliacatena;
  • pinza apertura falsamaglia.



smagliacatena

pinza apertura falsamaglia


Per determinare la corretta LUNGHEZZA CATENA ci aiutiamo con disegni tecnici.

Se siamo in presenza di pignone grande posteriore uguale a 27 denti o minore, mettiamo la catena sulla corona più grande anteriore e sul pignone più piccolo posteriore, la catena dovrà avere una lunghezza tale da far rimanere il cambio e di conseguenza le sue rotelline perpendicolari rispetto al terreno (90°).

Se siamo in presenza di pignone posteriore di 28 denti o maggiore, mettiamo la catena, SENZA FARLA PASSARE NEL CAMBIO, sulla corona più grande sia anteriormente che posteriormente, la catena dovrà arrivare a coprire tutto il giro corone, come se fosse una bici a scatto fisso, ma in più aggiungiamo una maglia femmina e una maglia maschio.

 

...e se rompiamo la catena mentre siamo in giro in bici che dobbiamo fare?

1) Avere un multitools tascabile con smagliacatena annesso e una falsamaglia adatta alla vostra catena (le falsemaglie sono a 8, 9, 10, 11 velocità, comprate la falsamaglia giusta);

2) Eliminare la parte di catena rotta. Vi ricordo che se rompete la catena nel 99% dei casi rompete una maglia femmina, detto questo eliminate la femmina rotta con lo smagliacatena e unite la catena con la falsamaglia, così facendo sarete a posto in modo sicuro, definitivo e non vi troverete con la catena più corta di quando l'avete montata nuova.

Per giuntare la catena con la falsamaglia basta solo incastrare le due metà della falsamaglia fino a che riusciamo con le mani, poi portiamo la catena in trazione sul lato superiore e spingiamo con un piede sul pedale... e voilà, il giro in bici continua in tutta sicurezza.




posizionamento falsamaglia

chiusura

 

 

(23 settembre 2015)

Giuliano Salvi

Nato a Zogno (Bg) nel 1970, appena conseguito il diploma di maturità scientifica, inizia a lavorare nel negozio di famiglia "Cicli Salvi" affiancando il padre.

Il 1989 vede la nascita, in società con il fratello Franco, di Salvi Bike Store, la nuova realtà legata alla vendita e riparazione di biciclette.

Nel 1992 occupa il posto di Assistente Tecnico Nazionale Militare ai Campionati Mondiali di Ciclismo a Pordenone, mentre dal 1992 al 1997 onsulente Tecnico “International cycling Team Bianchi Reparto Corse” presente su campi gara di tutti i continenti a fianco degli atleti “Bianchi”.

Non mancano le ruote grasse nell'esperienza di Giuliano, che dal 1993 al 1997 copre la carica di Consulente Tecnico Nazionale Italiana MTB ai Campionati Europei e Mondiali.

Dal 2002 è Docente Accademia Nazionale Mountain Bike - Milano.

Giuliano, esperto meccanico, tiene presso i suoi locali dei corsi di manutenzione e meccanica dedicati alle bici da strada e da fuori strada riscuotendo un notevole successo.

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!