Articoli 
venerdė 06 dicembre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Sezione granfondo    
Inserito il 11 giugno 2015 alle 10:22:53 da Michele Bazzani. - Letto: (2066)

La GF Colli Amerini per conoscere un pezzo di Umbria... di cui non potrete più fare a meno!

L'intervista a Beniamino Romildo, organizzatore della manifestazione umbra, giunta alla sua quarta edizione, racconta tutto quello che è stato preparato per accogliere i partecipanti. Una granfondo che, prima di essere una gara, vuole essere promozione del territorio, perché chi sia presente abbia voglia di ritornare per godere di tutto quello che questa zona d’Italia può offrire.

 

 

(Intervista a cura di Michele Bazzani)

Siamo giunti alla 4a edizione della Granfondo dei Colli Amerini, che si svolgerà il prossimo 21 giugno. Com’è nata questa manifestazione e come sono andate le prime tre edizioni?
L’idea di fare una granfondo ad Amelia nasce per far conoscere questo territorio, posto al confine meridionale dell’Umbria, e per incentivare la passione per il ciclismo nelle nostre zone, anche a livello popolare. In questi tre anni l’interesse intorno a questa manifestazione è cresciuto, con tante persone che chiedono informazioni sull’evento. La stessa Amelia e i Colli Amerini cominciano a essere conosciuti proprio per la granfondo. Le prime due edizioni sono andate bene, mentre quella dello scorso anno è stata rovinata dal diluvio, che ha ridotto il numero dei partenti, guastando la festa.


Il forte legame con il territorio si evidenzia anche con la partecipazione attiva degli enti locali. Quanto e come i dieci comuni dell’Amerino partecipano e collaborano con l’organizzazione?
Il rapporto più importante è quello che abbiamo ovviamente con il comune di Amelia, coinvolto direttamente nell’organizzazione della manifestazione nella persona del vicesindaco Franco Santarelli. I rapporti di collaborazione con gli altri comuni sono ottimi, anche se il loro contributo avviene principalmente sotto forma di personale di servizio per il controllo del territorio e della viabilità invece che sotto il profilo economico (per le note difficoltà finanziarie degli enti locali italiani). Visto l’obiettivo promozionale della granfondo, il percorso è studiato in modo tale da toccare tutti i comuni del comprensorio dei Colli Amerini, oltre ai comuni di Baschi e Orte. Particolarmente significativo è il passaggio dal centro abitato di Montecchio, voluto dall’amministrazione comunale per fare della gara ciclistica anche una festa di paese.

A livello di percorso e di logistica ci sono novità o è tutto confermato come negli anni scorsi?
Il percorso, collaudato e apprezzato dai partecipanti, resta il medesimo delle prime tre edizioni, con un percorso lungo di 125 chilometri e 1.962 metri di dislivello e un medio di 100 chilometri e 1.455 metri di dislivello, entrambi caratterizzati dalla lunga salita del Valico dell’Elce Bello e dal Muro dei Cappuccini nel finale di gara. Inoltre è previsto, come da tradizione, anche un percorso corto riservato ai cicloturisti di 57 chilometri. Per il terzo anno consecutivo la nostra granfondo è inserita nel circuito Master Tricolore. Quest’anno non si terrà purtroppo la cronoscalata in notturna del sabato, per alcune difficoltà organizzative legate alla presenza di due manifestazioni in poche ore e per l’impossibilità di trovare un’altra data utile.
Sotto il profilo della logistica, invece, cambia tutto, visto che le operazioni di partenza saranno ospitate nel centro storico di Amelia, presso il Collegio Boccarini, nel cui chiostro si terrà anche il pasta party organizzato dalle associazioni locali. L’obiettivo è di far vedere il centro storico e di avere una struttura che consenta un riparo anche in caso di maltempo, come lo scorso anno.

Ci sono anticipazioni sul pacco gara?
Il pacco gara, così come la premiazione finale, vedrà come al solito offrire i principali prodotti tipici locali dell’Amerino, in particolare il vino e i Fichi Girotti, vera specialità di Amelia. Purtroppo quest’anno non potremo mettere l’olio, per le note difficoltà incontrate dai produttori. Sono invece previsti dei voucher per l’ingresso a prezzo scontato ai musei della città e per l’ingresso al Palio dei Colombi che si terrà la seconda domenica di agosto. I ciclisti sono quindi invitati a tornare ad Amelia, con le loro famiglie, in occasione degli eventi che si terranno nel corso dell’estate.

Qual è l’obiettivo che vi proponete quest’anno in termini di partecipazione?
Dopo la sfortunata edizione dello scorso anno contiamo di tornare sui quattrocento iscritti. A tal fine abbiamo previsto anche prezzi popolari con un’iscrizione base a 25 euro e diverse promozioni: 15 euro per le donne, 17 euro per gli abbonati al Pedalatium (fino al 10 giugno) e 10 euro per i cicloturisti (che possono diventare 5 euro senza il pacco gara). Inoltre sono previste convenzioni con gli hotel della zona a prezzi ridotti. Ce l’abbiamo messa tutta e riteniamo di offrire un prodotto complessivamente molto gradito ai ciclisti e alle loro famiglie. Amelia è facilmente raggiungibile essendo vicino all’Autostrada del Sole e merita un week-end dedicato a tutte le eccellenze che la città offre. Ci sono quindi tutti i presupposti per una numerosa partecipazione. Colgo l’occasione di ringraziare la vostra testata per l’opportunità di promozione che ci state offrendo.

Grazie a te Beniamino e arrivederci al 21 giugno per una fantastica Granfondo dei Colli Amerini!

(11 giugno 2015)

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!