Articoli 
mercoledģ 13 novembre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Appunti di viaggio Granfondo   
Inserito il 21 maggio 2015 alle 17:12:03 da Leonardo Olmi. - Letto: (3236)

Tutti in bici da crono ad Argelato per la Coppa del Mondo Crono Coppie!

Domenica 17 maggio è stata una stupenda giornata di sole, che ha visto sfrecciare coppie di ciclisti, compresi quelle formate da “Lui & Lei”, nella piatta periferia di Argelato, a due passi da Bologna. La gara era valevole anche per il 43° Campionato Italiano Crono Coppie Giornalisti

 

 

 

 

(Testo e foto di Leonardo Olmi)

 

Quella della cronometro è una specialità che negli ultimi anni sta andando sempre più di moda e sta attraendo sempre più appassionati. Questo perché è una specialità molto allenante in generale, ma soprattutto perché, non lo si può negare, le bici da crono, con tanto di ruota lenticolare dietro ed alto profilo sull’anteriore, hanno un fascino ed un look tanto accattivante da farti venire la voglia di saltarci su e provarla. Non solo, anche l’abbigliamento tecnico, dal body, al casco e a tutto il resto, hanno anch’essi delle caratteristiche e degli aspetti molto gradevoli all’occhio, che sappiamo essere un dettaglio molto apprezzato dal cicloamatore moderno. Il vizio di voler provare a fare o apparire come i professionisti in TV continua ad esistere ed è giusto che ci sia, poiché d’altronde è anch’esso parte della ruota del carro che fa girare il mercato delle biciclette. Non a caso, anche il Giro d’Italia di questi giorni incoraggia e stimola ancor di più l’amatore a salire sulla bicicletta, favorito anche dal bel tempo di questo periodo dell’anno.

E bel tempo è stato domenica scorsa ad Argelato (Bo) in Emilia, dove, a testimoniare il fatto che il ciclismo è uno sport di gruppo, ci hanno pensato le quasi cento coppie al via della Coppa del Mondo Crono Coppie, nelle categorie amatoriali “Maschile” e in quella “Lui&Lei”. All'interno della manifestazione si è disputato anche il 43° Campionato Italiano Crono Coppie Giornalisti, Memorial Badiali. La società organizzatrice è stata la ASD Franchini Sport, che aveva sviluppato la gara sul classico tracciato pianeggiante della cittadina bolognese. La prova di Argelato, unica e spettacolare, è ormai da anni divenuta un appuntamento fisso nel campo delle cronometro: Fausto Franchini (nipote di Primo, storico DS della Alfa Lum) l’ha voluta fortemente, prendendosene cura in prima persona. La gara si è svolta su un percorso pianeggiante di 23,600 chilometri, aperta ai tesserati italiani e stranieri di tutti gli Enti e Federazioni regolarmente tesserati per l'anno 2015. La manifestazione era marcata ACSI e la partecipazione era possibile a coppie formate da cicloamatori che potevano appartenere anche a società, comitati ed enti diversi.



Il regolamento prevedeva quattro fasce nella categorie maschile, determinate della somma delle età dei componenti la coppia: fascia A fino a 90 anni; fascia B da 91 a 110; fascia C da 111 a 125; fascia D oltre 126. Due le categorie nella Lui e Lei: fascia E fino a 90 anni; fascia F da 91 a 150. La gara per i giornalisti erano invece suddivisa in sole due categorie, quella dei Senior (somma d’età fino a 100 anni), e quella dei Gentlemen (con la somma d’età oltre i 101 anni).

Gli atleti e le atlete al via hanno avuto la fortuna di pedalare per le vie e le larghe strade, che attraversano Argelato e Castello d'Argile, in quasi totale assenza di auto e con un fondo stradale perfetto. Il ritrovo era previsto per le 7,30 al Teatro Comunale di Argelato (dove poi si sono svolte anche le premiazioni). La partenza era posta sulla classica pedana con scivolo appena al di fuori del paese in Via Canaletta, mentre l’arrivo era in centro, proprio di fronte al teatro. Appena partiti, si procedeva lungo la Strada Provinciale 3, poi s’imboccava la Trasversale di Pianura, la Strada Provinciale 18, si toccava il paese di Castello d'Argile, da dove si prendeva la Strada Provinciale 42, per fare rientro in Via Centese nel centro di Argelato, dopo poco meno di 24 chilometri.

La miglior coppia al maschile in assoluto è stata quella che si è aggiudicata la fascia più giovane, la A (somma d’età fino a 79 anni): Massimiliano Grazia della Green Devils e Fabrizio Amerighi della Borello hanno letteralmente dominato con un tempo stratosferico di 27’27”82. Tra le coppie Lui&Lei ha vinto la squadra composta da Alessia Bortoli e Renato Sergio della VC 2 Torri, appartenenti anch’essi alla fascia più giovane, la E (somma d’età fino a 90 anni), con un tempo di 30’41”70. Mentre tra i giornalisti il miglior tempo assoluto è stato fatto dalla coppia Leonardo Olmi (GranfondoNews.it) e Giovanni Fantozzi (freelance) che con un tempo di 32’09”47, che così hanno anche vinto anche il titolo di Campioni Italiani Giornalisti cronometro a coppie nella categoria Gentlemen (somma d’età oltre i 100 anni). La categoria dei Senior (somma d’età sotto i 100) è stata vinta dalla coppia Vincenzo Moretti (Lo Strillone) e Gian Paolo Grossi (La Gazzetta di Mantova) con un tempo di 35’49”13.

Nel complesso è stata un'altra bella giornata di sport, che si è conclusa con rinfresco e premiazioni all’interno del Teatro Comunale di Argelato, dove sono state consegnate di sei maglie iridate e le maglie tricolori per i giornalisti, di cui una è andata anche alla nostra redazione grazie alla vittoria del sottoscritto insieme a Giovanni Fantozzi.

A tal proposito ci terrei a ringraziare la Cicli Taddei di Santa Croce sull’Arno per avermi gentilmente fornito la Specialized Venge, in configurazione da crono, e Lenzi Bike di Prato per la ruota lenticolare posteriore e quella ad alto profilo anteriore, senza i quali sarebbe stato molto più difficile tenere una buona media in una crono ed il passo del mio compagno, anch’egli dotato di mezzo tecnico specifico per la crono. Il mio consiglio è di approfittare dei negozi che forniscono il servizio di noleggio bici da crono e ruote (come appunto si può fare in Toscana da Cicli Taddei e Lenzi Bike, visto che ce ne sono tanti in tutta Italia da Nord a Sud), per provare questa specialità, senza la necessità di dover investire soldi inutili in qualcosa che poi magari potrebbe non fare per noi. Se poi ci appassioniamo a questa affascinante disciplina, ed il rischio in merito è altissimo, potremo spaziare in un mercato molto vasto che offre di tutto di più e a tutti i prezzi, dal mezzo tecnico all’abbigliamento specifico.

Per tutte le classifiche cliccare qui:
Maschile e Lui&Lei
http://www.ciclocolor.com/2014/05/2014-05-18-acsi-campionato-mondiale_18.html
Giornalisti
http://www.tuttobiciweb.it/?page=news&cod=79715&tp=n

Noleggio bici e ruote da crono in Toscana:
Cicli Taddei
www.taddeimotocicli.it
Lenzi Bike
www.lenzibike.it

(21 maggio 2015)

 

 

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!