Articoli 
venerdě 22 novembre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Sezione granfondo    
Inserito il 02 ottobre 2014 alle 12:26:23 da gazario. - Letto: (3613)

Andrea Volpi - Sempre in fuga!

Il forte atleta del Team Isolmant scopre la bici solo a 18 anni per recuperare da un infortunio e da quel momento, come si sul dire, l'appetito vien mangiando. Comincia a frequentare il mondo delle granfondo e l'impegno diventa sempre più appassionante e divertente. Preferisce i percorsi medi perché su questi può essere sempre nel vivo della gara e anche perché non ama particolarmente la salita. Per il prossimo anno sarebbe felicissimo di replicare la stagione appena passata.

di Gianandrea Azario (foto di Play Full Nikon e Acmediapress)

Andrea Volpi

Nata a: Crema
Il: 2 marzo 1978

Titolo di studio: operatore meccanico

Stato civile: sposato

Squadre:
2007 - 2009
Asc L'Airone (amatore)
2010
Team Saetta (amatore)
2011
Team Cave (amatore)
2012
Vivo ASD (amatore)
2013 - 2014
Team Isolmant (amatore)


Principali risultati:
2007
GF Gianni Motta (GF) - 11esimo
2009
GF Gianni Bugno (MF) - 19esimo
GF Felice Gimondi (C) - 15esimo
2010
GF Felice Gimondi (C) - nono
2011
GF Felice Gimondi (C) . quinto
GF Tre Laghi (MF) - ottavo
GF Giordana (C) - 13esimo
GF Valli Bresciane (MF) - 13esimo
2012
GF Felice Gimondi (MF) - primo
GF delle Alpi (MF) - secondo
GF d'Italia (MF) - secondo
Vigneti d'Oltrepo Marathon (MF) - terzo
GF dei 3 Laghi (MF) - quarto
GF Colnago (MF) - settimo
2013
GF dei 3 Laghi (MF) - primo
GF Liotto (MF) - quarto
GF Valli Bresciane (MF) - settimo
GF Fi'zi:k (MF) - dodicesimo
Dieci Colli Bolognesi (MF) - dodicesimo
2014
GF Dolci Terre di Novi (MF) - primo
GF Valli Bresciane (MF) - terzo
GF Città di Loano (unico) - sesto
GF Sant'Angelo Lodigiano (MF) - ottavo
GF dei 3 Laghi (GF) - nono
Ciao Andrea,
sei un alfiere del Team Isolmant, una delle squadre che ha raccolto maggiori risultati nella stagione 2014, rendendosi sempre protagonista nelle fasi importanti della gara, con una condotta sempre volta all’attacco. Tu in particolare, ti sei reso spesso protagonista nelle prime fasi delle granfondo con azioni che ti hanno consentito di conquistare ottimi piazzamenti, su tutti la vittoria alla Granfondo Dolci Terre di Novi, oppure a fungere da punto di appoggio per i tuoi compagni di squadra, nelle fasi decisive della gara (ricordiamo a questo proposito come hai favorito la vittoria di Antonio Camozzi alla Granfondo dei 3 Laghi). Ci fa piacere ricordare che non sei nuovo a questi exploit, visto che già negli anni passati hai ottenuto vittorie e piazzamenti di rilievo.

La prima domanda ormai è di rito in questa rubrica. Dove e quando sei nato? Che titolo di studio hai conseguito?  Attualmente, che attività lavorativa svolgi? Sei fidanzato?
Sono nato a Crema il 2 marzo 1978. Ho conseguito il titolo di operatore meccanico. Sono sposato e lavoro come libero professionista.

Hai corso nelle categorie ciclistiche giovanili e con quali risultati? Hai praticato o continui a praticare anche altri sport sia per diletto che a livello agonistico?
No, non ho praticato ciclismo nelle categorie giovanili  e ho scoperto la bici solamente a 18 anni.

Sono diversi anni che frequenti le granfondo. Cosa ti ha attratto di questo mondo per convincerti a passare molte domeniche dell’anno a queste manifestazioni? Cos’è secondo te il bello ed il brutto delle granfondo?
Come ho detto prima ho iniziato ad andare in bici a 18 anni per recuperare da un infortunio ad un ginocchio. Dopo qualche anno mi è venuto naturale passare all’agonismo, un po’ per curiosità un po’ spinto dal mio amico Alessandro Locatelli.  Da quel momento è stato un crescendo: da cinque granfondo l’anno ad un impegno più deciso in questi ultimi anni. Adoro correre le granfondo , di brutto in questo ambiente non trovo proprio nulla.

Cosa rappresenta per te la bici? E’ solo agonismo oppure c’è dell’altro? 
A me piace andare in bici, l'agonismo è un aspetto secondario.                                                                                                         
Ti vediamo spesso prendere parte ai percorsi medi, come mai questa scelta?
Scelgo di prendere parte ai percorsi medi, perché riesco a rimanere più spesso nel vivo della corsa.

Non ti affascinerebbe partecipare sui percorsi più lunghi ed impegnativi, quelli con tanta salita (cito ad esempio la Sportful Dolomiti Race, la Fausto Coppi), che stuzzicano la fantasia della maggior parte dei concorrenti?
Sinceramente no, preferisco rimanere sui percorsi medi. Poi io non amo troppo la salita, anche se quest’anno ho partecipato alla Sportful, sempre sul medio, arrivando nei primi 15.

Quanto tempo dedichi settimanalmente all’allenamento? Come riesci a ritagliarti il tempo con il tuo lavoro? Segui dei programmi di allenamento specifici, utilizzando anche un powermeter?
Mi alleno tutti i giorni della settimana. Il mio lavoro mi permette di ritagliarmi abbasta tempo sia in inverno che d’estate. Non utilizzo un powermeter, anche se non mi dispiacerebbe affatto provarlo, visto che già seguo programmi di allenamento specifici.

Ti vediamo spesso all’attacco nelle prime fasi di gara. E’ una strategia già pensata prima dell’inizio, magari anche per favorire i compagni di squadra, oppure decidi in gara come adattarti agli attacchi degli altri?
Correndo i medi, sei quasi obbligato ad attaccare fin da subito. Sai che chi fa i lunghi non ti inseguirà; loro la gara la fanno spesso in salita a dopo la divisione dei due percorsi.

Fai parte del Team Isolmant, una squadra importante, che ha saputo farsi notare nelle ultime due stagioni. Spesso la gente crede che l’unica cosa che conta in queste squadre sia la componente agonistica. Cosa ci puoi dire in merito? Come ti sei avvicinato a questo team e cosa significa per te farne parte?
Sono entrato in contatto con il team alla fine della stagione 2012, una delle mie migliori. Sono rimasto subito sorpreso nello scoprire che fondamentale non è il fattore agonistico, che è sicuramente importante per un team di questo livello, ma l’amicizia, la stima e il rispetto reciproco che lega tutti i componenti.

Ormai la stagione agonistica si è chiusa. Quali sono i tuoi obiettivi per il prossimo anno?
Per il prossimo anno mi piacerebbe riuscire a centrare ancora una o più vittorie.
Hai qualche sogno nel cassetto per il futuro, soprattutto in ambito extra-ciclistico?
No, i pochi che avevo sono stato fortunato nel riuscirli a realizzare sia in ambito ciclistico che extra.

Grazie per il tempo che ci hai dedicato. Complimenti ancora per la tua stagione ed in bocca al lupo per il futuro.


(2 ottobre 2014)
 

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!