Articoli 
lunedě 09 dicembre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Rubriche tecniche Cucina   
Inserito il 29 maggio 2014 alle 19:11:55 da Monia Amadori. - Letto: (2778)

Nove Colli in meno di sette ore con la cena giusta

Se pensavate che per fare un buon tempo alla Nove Colli servisse cenare la sera prima con pasta in bianco e pollo alla griglia, vi stavate sbagliando di grosso. Senza appesantirsi e con una dieta equilibrata, ecco cosa è stato portato in tavola il sabato sera della Regina delle Granfondo.

Monia Amadori

Mi chiamo Monia Amadori, un cognome veramente “romagnolo” così come lo sono le mie due più grandi passioni, la bici e la cucina.

Sono nata nel 1969, anno in cui ancora i ciclisti su strada erano veramente pochi. Uno di quei pochi però era mio padre, che a soli otto anni mi ha messo su una bici da uomo col cannone e il cambio!

Mi ricordo che all'età di nove anni, su per la salita di Bertinoro (chi fa la Nove Colli la conosce), si ruppe il filo del cambio con la catena posizionata nel “padellone”... faticai moltissimo per raggiungere quella vetta allora per me impossibile, senza scendere nemmeno una volta! Da allora direi che, seppur con periodi alterni, non sono mai più scesa dalla bici.

La passione della cucina è arrivata poco dopo e anch'essa non è più passata.

Nella vita ho sempre svolto lavori d'ufficio gestendo l'amore per tegami e fornelli solo nel tempo libero, ma ad un certo punto ho cercato di capire se potevo veramente “specializzarmi” e così, da adulta, mi sono iscritta e diplomata alla scuola alberghiera ed ho frequentato corsi da diversi chef per apprendere quanto più potevo.

Dopo aver preso una qualifica ho cercato di unire le mie due originali passioni, la bici ed il cibo, creando una struttura che si occupa di ospitalità ciclistica e chiamandola, appunto “CiBiCi - cibi & bici”

Lo stato di forma a cui ogni sportivo tende può far sembrare incompatibili questi due temi ma, come tutte le cose, basta affrontarle con consapevolezza e, aggiungerei, con un po' di fantasia e così come la fatica in bici riesce a sembrarci un irrinunciabile piacere, la necessità di alimentarci correttamente può diventare un altrattanto irrinunciabile gusto...

“CiBiCi – cibi & bici” nasce come associazione allo scopo di creare un punto di incontro fra appassionati di cibi e bici. L’intento è quello di accogliere in un ambiente familiare, informale e spontaneo gli amanti della buona cucina e della voglia di scoprire il territorio, ancor più di chi lo fa in un modo “ecologico”. Passione e curiosità legano questi due mondi apparentemente lontani che portano alla scoperta di luoghi, prodotti, intinerari meravigliosi!

 

Una delle angosce che maggiormente affliggono i ciclisti, che aspirano ad una qualsivoglia prestazione, è quella di cenare la sera prima con un menù leggero, che non appesantisca e che soprattutto non sovraccarichi di calorie inutili il proprio organismo.

Ecco quindi l'avanzare di paste in bianco, con al massimo un filo di passata di pomodoro, e o pesce lesso o fettina di pollo rigorosamente ai ferri.
Per carità, nulla da eccepire, se si sta in una corsia di ospedale, ma visto che il ciclista è di fatto un atleta sano, ecchediamine, che almeno possa cenare con gusto.

E' il sabato sera prima della Nove Colli. Qui in Romagna la manifestazione cesenaticense è particolarmente sentita. E' la festa romagnola del ciclismo e ogni romagnolo la sente un po' sua.

Per l'occasione la mia struttura di accoglienza ospita alcuni ciclisti, che l'indomani affronteranno la "200".
I miei ospiti si fidano di me e mi delegano per la scelta del menu serale.

Da notare che nessun piatto ha compromesso la prestazione agonistica, anzi! Il più bravo di loro ha chiuso il percorso da 200 chilometri in 6 ore e 50 minuti. Un tempo più accettabile!

Ecco quindi cosa ho portato in tavola.


SPAGHETTI  ZUCCHINE, LIMONE E MENTA


Ingredienti per 4 persone:

320 gr di spaghetti
4-5 zucchine
2 limoni non trattati
menta fresca
olio EVO
Sale e abbondante pepe

Tagliate a filetti le zucchine dopo averle lavate.  Mettete in una padella un po' di olio d'oliva e, quando è caldo, aggiungetevi le zucchine portandole a cottura rigirandole ogni tanto. Salate e pepate ed aggiungete la scorza grattugiata dei limoni (solo la parte gialla, quella bianca è amara).

Nel frattempo mettete una pentola d'acqua sul fuoco; aggiungete sale quando raggiunge il bollore e buttatevi gli spaghetti. Teneteli al dente perché li raccoglierete con un forchettone lasciandoli un po' “bagnati” della loro acqua di cottura e finirete di cuocerli nella padella assieme alle zucchine.  Tagliate la menta a listarelle con le forbici, mescolate bene e serviteli subito.

POLLO ALLE PESCHE E MANDORLE CON RADICCHIO ROSSO AL BALSAMICO

Ingredienti per 4 persone:

Petto di pollo a fette circa 400 gr
3 pesche
Farina doppio zero
Olio EVO
Sale e pepe
Wodka
Radicchio rosso
Aceto balsamico

Tagliate a listarelle il radicchio, lavatelo e scolatelo dell'acqua in eccesso, poi conditelo con poco olio d'oliva e aceto balsamico (quest'ultimo mettete abbastanza perché contrasta bene con la dolcezza delle pesche). Adagiate le listarelle di radicchio su ogni singolo piatto.

Tagliate a bocconcini il petto di pollo e passatelo nella farina. Eliminate quella in eccesso “agitando” la carne su un colino  (va bene anche se usate uno scolapasta per questa operazione).

Mettete in un largo tegame un po' di olio d'oliva e appena caldo buttatevi i pezzetti di pollo avendo cura di rigirarli per farli ben rosolare da tutte le parti. Sfumate con la Wodka. Regolate di sale e pepe.
Sbucciate le pesche e fatele a fettine e a fine cottura aggiungetele al pollo. Mescolate, spegnete il fuoco e servite i bocconcini sul piatto ricoperto di radicchio al balsamico.

FRAGOLE AL VINO ROSSO CON ESTRATTO ALL'ANAS

Lavate le fragole e tagliatele a pezzetti. Conditele con zucchero (o fruttosio se preferite) e vino rosso. Mescolate bene e lasciate riposare in frigo. Se fatte la sera prima sono ancora più buone.

Per l'estratto avrete bisogno di un estrattore, molto più efficace di una centrifuga e soprattutto utile per preservare maggiormente i principi nutritivi di frutta e verdura.

In questo caso io ho utilizzato:
ananas che ho fatto a fette e poi a pezzi più piccoli e che ho cosparso di cannella per aromatizzare la nostra bevanda;
mezzo gambo di sedano;
qualche fragola

Il tutto passato nell'estrattore per una bevanda multivitaminica. Gli estratti vanno preparati e consumati velocemente, al massimo si conservano in una bottiglia di vetro in frigorifero per un giorno.

(29 maggio 2014)

 

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!