Articoli 
venerdě 22 novembre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Sezione granfondo    
Inserito il 07 maggio 2014 alle 16:00:06 da gazario. - Letto: (3348)

Francesco Casagrande si aggiudica la GF Costa degli Etruschi

Dopo i due secondi posti delle passate edizioni, il portacolori della Cicli Taddei riesce finalmente a salire su primo scalino del podio nella classica Marathon MTB della Toscana, giunta alla sua sedicesima edizione. Al via 1.000 partecipanti.

 

 

(Testo e foto di Leonardo Olmi)

Quello del 3 e 4 maggio è stato un vero weekend di festa, che gli appassionati di mountainbike e le loro famiglie hanno potuto godere e trascorrere a Marina di Cecina in provincia di Livorno. Peccato solo che il tempo ci abbia voluto per forza mettere lo zampino con la pioggia, che tra la giornata di venerdì e sabato mattina ha rovinato in parte i programmi, e più che altro il percorso, che alla domenica era dominato dal fango, ma per fortuna soltanto in alcuni dei single-track interni al bosco. La Granfondo Costa degli Etruschi è stata comunque un mix tra agonismo e relax, con un meraviglioso percorso adatto a tutti, che si diramava in mezzo a colline e borghi toscani. Per chi voleva fare fatica, gli organizzatori dell’MTB Club Cecina avevano reso possibile la prova del percorso anche nei giorni precedenti la gara, per poi consentire ai biker di rilassarsi con una passeggiata in pineta ed un tuffo in mare, acquazzoni permettendo, ovviamente.

L’intento degli organizzatori era infatti quello di creare, come di consueto, un evento interamente dedicato alla bicicletta, che allo stesso tempo potesse coinvolgere tutta la famiglia, sia per godere dello splendido mare di Cecina che dei borghi antichi, con l’obiettivo far trascorrere a chi avesse scelto la granfondo toscana un bel week-end tra amici. La “festa” prendeva inizio il sabato mattina, con una pedalata gourmet alla scoperta della Costa degli Etruschi e dei suoi paesaggi incantevoli, con degustazione dei prodotti tipici. Il sabato pomeriggio, veniva invece dedicato ai bambini con una kermesse all’interno della bellissima pineta di fronte al Camping le Tamerici, con il Trofeo Rampichino Fuoristrada, che si chiudeva con un bel Nutella party per tutti i bimbi. Per concludere la giornata, alle cinque del pomeriggio, partiva lo Spinning Marathon, sempre a bordo piscina del campeggio: una prova aperta a tutti, previa iscrizione, curata delle palestre Piramide e Fitness Planet 2. La serata continuava poi con animazione musicali all’interno del Camping.

La Marathon della domenica si è invece svolta intorno alle colline ed i borghi dei paesi storici nei dintorni di Cecina e Bibbona. Il tempo è stato clemente, anche se il sole “vero”, quello che scalda, ha tardato a spuntare, ma comunque le poche nuvole presenti erano ormai prive di pioggia. L’arietta era però ancora un po’ fresca. L’organizzazione porta la firma del consolidato gruppo MTB Club Cecina (con a capo il presidente Daniele Gronchi, affiancato dal supporto tecnico del suo consigliere Nedo Nencioni), che ha programmato la partenza dal centro di Cecina e l’arrivo nei pressi della pineta a fianco del bellissimo Camping Le Tamerici, che con la sua grande piscina si è dimostrata un ottima location per chi l’aveva scelto tra le strutture ricettive. Sempre presso Le Tamerici si è potuto usufruire di  un ampio parcheggio, docce, lavaggio bici, premiazioni e il ricco pasta party finale, tutto molto ben organizzato. La 16a edizione della Granfondo Costa degli Etruschi, è stata valida sia come 3a prova della Coppa Toscana MTB 2014, che come 5a prova del circuito Prestigio MTB 2014, partito il 16 marzo sempre dalla Toscana con la Granfondo di Monteriggioni.

Due i percorsi in programma, un cicloturistico di 38 chilometri con 750 metri di dislivello, ed il classico agonistico Marathon di 75 chilometri con 1.600 metri di dislivello. Il percorso Marathon, rivisto e migliorato rispetto alle passate edizioni, è tornato ad attraversare la Macchia della Magona: percorso molto vario con 10 chilometri di single-track, 55 chilometri di sterrato e 10 chilometri di asfalto. La salita più lunga è stata di 11 chilometri, con una pendenza massima del 23%. Il colpo d’occhio, dall’alto delle colline sul mare di Cecina, per chi se lo è potuto godere alzando lo sguardo dal manubrio, è stato davvero spettacolare. Senza trascurare il suggestivo passaggio sulle stradine in pietra all’interno dell’antico borgo di Montescudaio, tra gente e sapori dell’antica tradizione toscana. Gli altri comuni attraversati erano Riparbella, Guardistallo, Casale Marittimo e Bibbona.

Di tutto rilievo i nomi tra i 1.000 iscritti: da Francesco Casagrande della Cicli Taddei ai due colombiani del KTM Torrevilla, Botero Salazar e Arias Cuervo, allo Scapin Factory Team con il colombiano Rincon Rodriguez. Purtroppo la concomitanza con un altro grande evento ha tolto agli organizzatori la possibilità di avere altri nomi di rilievo, come infatti dice il presidente Gronchi: “Il tempo non ci ha aiutato di sicuro e la marathon nazionale di Riva del Garda ci ha privato della partecipazione degli atleti elite. Questo significa che in altre condizioni potremmo superare abbondantemente la soglia dei mille e ritornare agli antichi splendori del passato. Siamo molto fiduciosi su questo, oltre che soddisfatti. Ringrazio tutti i volontari che ci aiutano sempre con entusiasmo e dedizione”.

La carica dei mille è partita alle dieci in punto da Corso Matteotti di Cecina, con il Sindaco che ha fatto gli onori di casa. Fin dalle prime battute si è formato un gruppo composto da una ventina di corridori, dove in testa a tirare si è messo niente di meno che il professionista su strada Mirko Selvaggi. Il gruppo è transitato compatto fino a Montescudaio, dove Francesco Casagrande (Cicli Taddei) ha deciso di partire all’attacco, staccando tutti tranne il colombiano della KTM Arias Cuervo, che gli è rimasto attaccato alla ruota. La coppia ha deciso così di fare gara assieme fino a pochi chilometri dal traguardo quando il colombiano, ormai al limite delle proprie forze, ha ceduto allo scatto finale inferto da Casagrande che è andato a vincere, per la sua prima volta, la Granfondo Costa degli Etruschi. Al terzo posto Roberto Crisi del Team Kento. La gara femminile ha invece visto il dominio assoluto di Elena Gaddoni (FRM Factory Racing Team) che aveva già trionfato qui a Cecina, seguita da Mara Fumagalli (KTM Prtoteck Torrevilla) e Pamela Rinaldi della Ciclissimo Bike. Tra le squadre il primo premio è andato alla Cicli Taddei di Santa Croce sull’Arno (PI), una delle più grosse realtà per quanto riguarda il marchio Specialized in Italia, ed uno dei punti di riferimento tra i più importanti in Toscana per quanto riguarda le ruote grasse, ma anche il panorama strada.

Questi i commenti a caldo dei protagonisti:

Francesco Casagrande, 1° classificato: “Sono contento perché qui a Cecina avevo fatto due secondi posti nelle due ultime edizioni, ed oggi sono finalmente riuscito a vincere. Però devo confessare che la gara è stata molto dura, più che altro a causa del fango. Ho attaccato sulla salita di Montescudaio e quando ho visto che Cuervo mi è rimasto a ruota ho pensato fosse meglio fare gara insieme. Ma visto che qui due anni fa ho perso proprio in volata, volevo evitare di arrivare assieme, anche se lui non è veloce ed accusava già un po’ di stanchezza”.
Arias Cuervo, 2° classificato: “Quando Casagrande ha allungato sullo strappo di Montescudaio sono riuscito a stargli dietro, ma poi sul finale ho dovuto mollare perché ero molto stanco e non sarei mai riuscito a farcela con un Francesco così in forma, quindi ho mollato la ruota. Ma mi onora molto aver fatto la gara insieme ad un campione del suo calibro ed essere arrivato al secondo posto”.
Roberto Crisi, 3° classificato: “Non pensavo di farcela e invece Rinaldini è stato preso dalla stanchezza. Probabilmente ha dato troppo e, proprio nel finale, sono riuscito ad agguantarlo. Sono molto soddisfatto, quello di oggi è un podio inaspettato”.
Elena Gaddoni, 1a donna: “La location di Cecina Mare è sempre molto affascinante, anche con il fango. In questa prima fase di stagione ho fatto cinque gare, vincendone quattro. Riconfermarmi qui a Cecina non è stato facile, anche se non avevo avversarie ad impensierirmi. Il percorso era molto impegnativo per il fango e ho fatto il nuovo single-track a piedi per non scivolare”.

Le riprese televisive sono state curate da Fabrizio e Massimo Biondi, per i programmi Pedalando, Velò, Ciclissimo e Ultimo Kilometro, visibili su varie emittenti toscane, Sky e canali YouTube. Mentre il servizio fotografico della gara è stato realizzato da Foto Castagnoli, con le foto dei ciclisti facilmente rintracciabili tramite il numero di gara e quindi acquistabili sul portale www.fotocastagnoli.net
 

 

(6 maggio 2014)

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!