Articoli 
venerdģ 15 novembre 2019
Granfondo Randonneč Cicloturismo Appunti di viaggio Rubriche
Rubriche tecniche Cucina   
Inserito il 25 aprile 2014 alle 20:01:19 da Monia Amadori. - Letto: (2141)

Menu di Pasqua troppo pesante? Ecco l'alternativa light.

Avete sudato freddo a Pasqua quando vi siete seduti a tavola dai parenti dove le calorie di ogni piatto erano l'equivalente di una vosta intera settimana? Ecco cosa avreste potuto preparare e restare leggeri (con lo stomaco e la coscienza).

Monia Amadori

Mi chiamo Monia Amadori, un cognome veramente “romagnolo” così come lo sono le mie due più grandi passioni, la bici e la cucina.

Sono nata nel 1969, anno in cui ancora i ciclisti su strada erano veramente pochi. Uno di quei pochi però era mio padre, che a soli otto anni mi ha messo su una bici da uomo col cannone e il cambio!

Mi ricordo che all'età di nove anni, su per la salita di Bertinoro (chi fa la Nove Colli la conosce), si ruppe il filo del cambio con la catena posizionata nel “padellone”... faticai moltissimo per raggiungere quella vetta allora per me impossibile, senza scendere nemmeno una volta! Da allora direi che, seppur con periodi alterni, non sono mai più scesa dalla bici.

La passione della cucina è arrivata poco dopo e anch'essa non è più passata.

Nella vita ho sempre svolto lavori d'ufficio gestendo l'amore per tegami e fornelli solo nel tempo libero, ma ad un certo punto ho cercato di capire se potevo veramente “specializzarmi” e così, da adulta, mi sono iscritta e diplomata alla scuola alberghiera ed ho frequentato corsi da diversi chef per apprendere quanto più potevo.

Dopo aver preso una qualifica ho cercato di unire le mie due originali passioni, la bici ed il cibo, creando una struttura che si occupa di ospitalità ciclistica e chiamandola, appunto “CiBiCi - cibi & bici”

Lo stato di forma a cui ogni sportivo tende può far sembrare incompatibili questi due temi ma, come tutte le cose, basta affrontarle con consapevolezza e, aggiungerei, con un po' di fantasia e così come la fatica in bici riesce a sembrarci un irrinunciabile piacere, la necessità di alimentarci correttamente può diventare un altrattanto irrinunciabile gusto...

“CiBiCi – cibi & bici” nasce come associazione allo scopo di creare un punto di incontro fra appassionati di cibi e bici. L’intento è quello di accogliere in un ambiente familiare, informale e spontaneo gli amanti della buona cucina e della voglia di scoprire il territorio, ancor più di chi lo fa in un modo “ecologico”. Passione e curiosità legano questi due mondi apparentemente lontani che portano alla scoperta di luoghi, prodotti, intinerari meravigliosi!

 

La Pasqua, come il Natale, è capace di lasciare dei forti rimorsi nei ciclisti. Stretti nella morsa dei parenti, che di dieta non ne vogliono proprio sentire parlare, ecco doversi scontrare con piatti troppo elaborati e pesanti, che vi obbligano a rendervi antipatici. Due solo le scelte: o microporzioni battagliando con la canonica domanda "Hai lasciato tutto, non ti piaceva?", oppure chiedere pasta in bianco e pollo ai ferri.

Ecco invece una valida alternativa dove il computo calorico resta ben dentro i nostri parametri ciclistici, ma senza rinunciare al gusto. Un' idea di menù di Pasqua che tiene conto delle calorie, ma pensato per stupire nei sapori.

L'antipasto è “ricco” quindi il nostro menù non prevede il secondo piatto di portata. L'uovo al miele è una è preparazione semplicissima, ma che rende originale ed unico il nostro uovo (magari l'uovo benedetto). Ho utilizzato uova di gallina con allevamento da mangimi con semi di lino. Questi ultimi sono ricchi di omega 3, quindi questo tipo di uova può essere consumato anche da chi ha problemi di colesterolemia.

Il piatto principale è un risotto di gamberetti che risulterà estremamente saporito grazie alla preparazione della "bisc".

Infine il dessert, un muffin alle fragole, che potrete anche preparare il giorno prima. Si conserva per 3-4 giorni, quindi può anche sostituire le fette biscottate e marmellata della colazione prima dell'uscita in bici.

UOVO AL MIELE


INGRDIENTI per persona
1 uovo bio senza colesterolo
1 cucchiaio di miele di castagno
1 cucchiaio di nocciole tostate e tritate grossolanamente
1 pizzico di sale
½ fetta di pane toscano

PROCEDIMENTO
Mettete in un padellino un cucchiaio di miele di castagno ed accendete il fornello, attendendo che il miele inizi a spumeggiare. A questo punto versatevi l'uovo e cuocetelo nella maniera tradizionale, come se ci fosse l'olio al posto del miele. Ricordatevi di inclinare un po' il padellino per riuscire a raccogliere il miele con un cucchiaio e versarlo sul tuorlo. Questo consente di cuocere anche il tuorlo che altrimenti rimarrebbe crudo rispetto all'albume.
L'uovo si adagia su mezza fetta di pane toscano con anche il miele di cottura e si cosparge con le nocciole tritate grossolanamente.
Mettete un pizzico di sale sul tuorlo. Il dolce/salato di questa preparazione vi stupirà!

RISOTTO AI GAMBERETTI



INGREDIENTI per persona
80 gr di riso
200 gr di gamberetti
olio e.v.o.
Erba cipollina e erba aglina
sale
pepe
mezza carota
mezzo gambo di sedano
gambi di prezzemolo

PROCEDIMENTO
Pulite i gamberi, conservandone il carapace e privandoli del filamento nero. Mettete in un tegame un goccio di olio e i gambi di prezzemolo, il sedano e la carota a pezzetti e accendete il fuoco. Appena l'olio è caldo, buttatevi dentro i carapaci e schiacciateli con una forchetta per estrarre tutto il loro succo. Lasciate andare qualche minuto poi aggiungete qualche cubetto di ghiaccio (per osmosi i succhi contenuti all'interno dei “gusci” si estrarranno). A questo punto aggiungete acqua e portate ad ebollizione per dieci minuti. Passate il “brodo” ottenuto in un colino fine. Questo liquido servirà per la cottura del riso.
In un tegame mettete poco olio d'oliva, buttatevi il riso e fatelo tostare bene. Una volta tostato aggiungete gradualmente il liquido ottenuto dai carapaci. Verso fine cottura aggiungete i gamberetti sgusciati e regolate di sale e pepe. Versate sul piatto e cospargete con erba cipollina ed erba agliana, tagliate in piccoli pezzi con le forbici.

MUFFIN ALLE FRAGOLE



INGREDIENTI per 16-18 muffin
250 gr di ricotta di mucca
1 bustina di pinoli
3 uova grandi, a temperatura ambiente
250 gr di zucchero semolato
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
225 gr di farina autolievitante (o 225 gr di farina 00 e 1 cucchiaino di lievito per dolci)
250 gr di fragole (o lamponi, more, mirtilli...)
La scorza grattugiata di 1 limone e di 1 arancia.

PROCEDIMENTO
Fate sgocciolare la ricotta su di un colino per mezz'ora. Accendere il forno a 180°.
Nella teglia dei muffin mettete i pirottini di carta e sul fondo mettete una fragola (o altri frutti).
Passate al setaccio la ricotta e tostate i pinoli.
In planetaria mettete uova e zucchero e montate finché diventa soffice. Aggiungete scorza di limone e di arancia e poi la ricotta, continuando a frullare.
Diminuite la velocità e unite la farina (precedentemente mescolata con lievito se a parte e con la cannella).
Aggiungete pinoli tostati e mescolate a mano.
Riempite pirottini a tre quarti . La cottura richiede circa 20 min.



 

(25 aprile 2014)

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI SU FACEBOOK!!!