La prima tappa del Giro di sardegna, racconata da Michele Bazzani.

11 ottobre 2020 - Credo che la tappa di oggi, che ha dato il via a questa particolare edizione del Giro di Sardegna, resterà nel cuore e nelle gambe dei ciclisti che l’hanno affrontata. In pochi chilometri si sono concentrate tutte le difficoltà che il ciclismo può presentare: strade viscide e bagnate, forte vento di maestrale, salite in successione senza tregua, discese a rotta di collo. Il tutto però è stato condito dalla bellezza del paesaggio della strada costiera che unisce Alghero e Bosa, probabilmente una delle più belle del mondo.

Purtroppo per problemi di permessi non si è potuti entrare nella provincia di Oristano, per cui l’organizzazione si è dovuta reinventare un percorso più articolato (e ovviamente più duro), con l’inserimento della salita della Speranza a metà gara, il vero “mostro” della zona. Cielo grigio e vento forte salutano i ciclisti che si allineano nella griglia allestita ad Alghero sul lungomare Valencia. Subito dopo il via l’andatura è subito forsennata e il gruppo si allunga e si seleziona, complici i saliscendi che subito mordono i muscoli. Anch’io resto presto vittima di questa selezione che fa esplodere il gruppo multicolore in mille tronconi. Poco male, in gruppetto e da solo diventa più facile godere delle meraviglie che la natura offre in questo angolo dell’isola: montagne a strapiombo sul mare, che ogni tanto formano calette, onde paurose che s’infrangono sugli scogli. Con il passare dei chilometri, il sole riesce a vincere la propria battaglia con le nuvole, accendendo di colori questo scenario che diventa ancora più meraviglioso.

Ma si fa fatica. Tanta. E anche ciclisti forti ed esperti, come Daniele Bertozzi, racconteranno di aver sofferto oltre modo le difficoltà del percorso. L’arco azzurro dell’arrivo farà ritrovare a tutti i sorrisi. Le fatiche sono finite, ma non il godimento che proseguirà nel lungo trasferimento in bici verso l’hotel. Le cronache registrano le vittorie di Marcello Ugazio, autore di una spettacolare azione solitaria nel finale di gara, tra gli uomini e di Annalisa Prato tra le donne. Ma oggi l’applauso deve andare a tutti i finisher di questa fantastica tappa. Ed è solo l’inizio.

Il laziale Vincenzo Pisani si impone sul tedesco Steffens. Arrivo in solitaria per Gioia Chiodi. Con oltre 350 iscritti e 300 partenti, la Granfondo Ceriale ha visto la Rodman Azimut vincere tra le società. Al via presenti Claudio Chiappucci, Davide Rebellin e Andrea Noè.

La volata di Pisani

La volata di Pisani

11 ottobre 2020, Ceriale (Sv) – Una bella domenica autunnale rivierasca, con sole e temperature miti, sebbene un po' disturbata dal vento, è ciò che hanno incontrato a Ceriale i 300 ciclisti, dei 350 iscritti, che si sono presentati, domenica 11 ottobre, nelle griglie di partenza della 2a edizione della Granfondo Ceriale.

Un parterre di eccellenza, con i nomi più altisonanti del granfondismo nazionale, tanto che un pronostico per la vittoria non è mai stato scontato.

Non sono certo mancati nemmeno i grandi nomi del ciclismo, di ieri e di oggi, così, a pedalare assieme ai tanti cicloamatori, c'erano anche Claudio Chiappucci, Davide Rebellin e Andrea Noè.

Le danze le apre subito il laziale Vincenzo Pisani che tenta la fuga sulla salita verso Carpe, ma viene presto ripreso da un drappello al cui interno ci sono i migliori di giornata.

Sono le rampe verso il Colle del Quazzo che definiscono i lineamenti della corsa, quando il battistrada si assottiglia e in testa rimangono Pisani, il tedesco Alexander Steffens e l'imperiese Manuele Caddeo, tornato, "per caso", alle corse.

Dietro, ad inseguire a oltre un minuto e mezzo, un drappello di cinque atleti, tra cui il toscano Federico Pozzetto, già vincitore delle due tappe precedenti del Trofeo Loabikers. Il toscano ci prova e impone il suo ritmo al gruppo degli inseguitori e, seppur portando il gap ad un solo minuto, non riesce nel ricongiungimento.

La testa della corsa, dopo avere collaborato anche sul San Bernardino, non può che presentarsi in volata sul lungo mare di Ceriale, dove Pisani si impone sul tedesco, mentre Caddeo li lascia fare.

Tra le donne dominio di Gioia Chiodi, che fin dalle prime battute si pone in testa alla gara femminile rendendosi imprendibile dal drappello di avversarie che, unite, la tallonano. Salita dopo salita, mentre la Chiodi aumenta il vantaggio, nelle retrovie il gruppetto si sfalda e restano a inseguire la battistrada solo la cuneese Federica Morano e la postina piacentina Mara Manfredi. Mentre la Chiodi passa il traguardo indisturbata a braccia alzate, è volata tra le inseguitrici dove la Morano regola la Manfredi.

Tra le società dominio indiscusso della torinese Rodman Azimut Squadra Corse, che sale sul primo gradino del podio accompagnata dal Gs Passatore di Cuneo e dalla savonese Bicistore Cycling Team.

Il Trofeo Loabikers dà appuntamento al 25 ottobre a Diano Marina, per la Granfondo Diano Marina – Memorial Goffredo Bonifazio, valevole come penultima prova del circuito.


 

CLASSIFICHE

MASCHILI

1. Vincenzo Pisani (Asd Capitani Minuterie Metalliche Cycling Team); 02:29:27.864

2. Alexander Steffens (Magnesium Pur); 02:29:28.113

3. Manuele Caddeo (Team Senzabicinonsostare); 02:29:30.110

4. Federico Pozzetto (Falasca-Mg.K Vis-Luxor); 02:31:29.840

5. Pascal Bousquet (Gs Bicisport Ospedaletti); 02:31:30.339

6. Mattia Magnaldi (Ppr Cycling Team); 02:31:30.589

7. Fabio Cini (Asd Capitani Minuterie Metalliche); 02:31:37.094

8. Pietro Dutto (Famiglia Basso Bikes); 02:31:53.334

9. Alain Seletto (Gs Bicisport Ospedaletti); 02:31:54.083

10. Matteo Crosa Lenz (Dynatek-Work Service); 02:31:55.081


 


 

FEMMINILI

1. Gioia Chiodi (Vivi-Somec); 02:55:21.018

2. Federica Morano (Gs Passatore); 03:01:44.217

3. Mara Manfredi (Vivi-Somec); 03:01:45.325

4. Eleonora Mele (Team Equa); 03:03:36.319

5. Matilde De Sciora (Asd Rodman Azimut Squadra Corse); 03:03:36.320

6. Elena Pancari (Team Loda Millennium); 03:03:43.807

7. Veronica Pardini (Asd Rodman Azimut Squadra Corse); 03:04:22.059

8. Sabrina De Marchi (Vivi-Somec); 03:07:36.029

9. Mara Tonoli (Vivi-Somec); 03:10:38.518

10. Erica Viana Lima (Asd Rodman Azimut Squadra Corse); 03:12:14.489


 

SOCIETA'

  1. Rodman Azimut Squadra Corse

  2. Gs Passatore

  3. Bicistore Cycling Team


 

Le classifiche complete sono disponibili al questo indirizzo 


 

Le prove restanti del Trofeo Loabikers

25 ottobre – Granfondo Diano Marina

8 novembre – Pietra Ligure Cycling Marathon


 

Tutti i dettagli si trovano nella pagina dedicata del sito del Gs Loabikers.

CONTATTI

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.loabikers.com

tel. 3356872887

Domenica 11 ottobre a Ceriale (Sv) prenderà il via la 2a Granfondo Ceriale. Pochi minuti prima dello start verranno estratti a sorte tra i partenti tre pacchetti soggiorno da due notti per due persone.

Tre pacchetti soggiorno in premio a Ceriale
Tre pacchetti soggiorno in premio a Ceriale

9 ottobre 2020, Ceriale (Sv) – Essere presenti alla partenza e un pizzico di fortuna sono gli ingredienti necessari per potersi aggiudicare uno dei tre pacchetti soggiorno omaggio, di due notti per due persone, messi in palio alla 2a Granfondo Città di Ceriale di domenica 11 ottobre.

Sono tre infatti le strutture ricettive cerialesi che hanno scelto di mettere a sorteggio tra i partenti altrettanti pacchetti soggiorno.

Si tratta del Residence Oliveto, del Residence Sabrina e del Residence Arancia 145, tre rinomate strutture della cittadina savonese.

Un'occasione per non mancare a questa splendida, seppur atipica, seconda edizione.


 

I dettagli della Granfondo Città di Ceriale sono disponibili in questa pagina web


 

Le prove restanti del Trofeo Loabikers

11 ottobre – Granfondo Ceriale

25 ottobre – Granfondo Diano Marina

8 novembre – Pietra Ligure Cycling Marathon


 

Tutti i dettagli si trovano nella pagina dedicata del sito del Gs Loabikers.(https://www.loabikers.com/)

CONTATTI

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.loabikers.com

tel. 3356872887

Michele Bazzani racconta la vigilia dell'edizione 2020 del giro di Sardegna, un'edizione davvero speciale. 

10 ottobre 2020 - La baia di Porto Conte accoglie in un giorno caldo e soleggiato i partecipanti al Giro di Sardegna, che, con coraggio, hanno sfidato i vari problemi che questi difficili momenti presentano a ogni angolo. Pareva una missione impossibile, quella di mettere in piedi questa edizione, ma il comitato organizzatore, coordinato dal poliedrico Antonio Scarpitti, è riuscito nel vero miracolo. E così da domani, per sei tappe, duecento “cavalieri della luce” affronteranno le strade di questo fantastico angolo dell’isola, in una competizione che avrà il solo traguardo della gioia e come premio quello del divertimento.

È sempre un’emozione unica tornare in Sardegna, i primi brividi ti prendono già quando la nave attracca nel porto di Olbia, incorniciato da un’alba dorata. L’Hotel Porto Conte, sede logistica della manifestazione, brulica dei primi arrivi, ma rispetto al solito l’atmosfera è molto più tranquilla e rilassata. I partecipanti sono ridotti a un terzo degli iscritti iniziali, e quindi sarà una gara all’insegna dell’amicizia. Lo scopriremo subito nella prima sgambata che ci consente di assaporare i profumi inediti dell’autunno sardo, verso la spiaggia dell’Argentiera, dove l’azzurro intenso del sole contrasta con il grigio delle rocce a picco sul mare. Faccio conoscenza con Michele Pittacolo e Giancarlo Masini, ciclisti della nazionale paralimpica, grandi atleti ma soprattutto dotati di un cuore enorme. Giancarlo, che ha perso entrambe le gambe e pedala con due protesi, è un vero esempio da ammirare per la sportività e la passione che ci mette. Anche in questo caso, la bici dimostra la sua magia, trasformando la disabilità in un punto di forza.

Nel pomeriggio ritorna il tradizionale rito del ritiro dei numeri di partenza e del gadget della gara, con la presentazione delle maglie di leader delle classifiche maschile e femminile che, da domani, copriranno le spalle dei più veloci. Sarà un’edizione speciale, ridotta nei numeri, ma carica di significati. E saranno tante le storie da vivere e da raccontare.

Testo e foto di Michele Bazzani

Sarà la cittadina del torrione ad ospitare la quarta tappa del circuito firmato Gs Loabikers. Ospiti di grande valore: Chiappucci, Rebellin e i Bonifazio pedaleranno con i partecipanti. Esordio ligure su strada per la stimata speaker Roberta Carta. Pacchetti soggiorno estratti a sorte tra i partenti.

Il torrione di Ceriale farà da testimone alla Granfondo Città di Ceriale

Il torrione di Ceriale farà da testimone alla Granfondo Città di Ceriale

6 ottobre 2020, Ceriale (Sv) – Archiviata la terza prova, il Trofeo Loabikers vola diretto verso la quarta tappa, che sarà ospitata dalla cittadina di Ceriale, con la seconda edizione della Granfondo Città di Ceriale. Sarà così nuovamente la cittadina del torrione a dare spazio ai ciclofondisti.

Il percorso, di 85 chilometri per 1733 metri di dislivello, ripercorre le strade battute nella precedente tappa, ma in senso inverso. Saranno tre le salite da affrontare, di cui il Colle del Quazzo sarà la Cima Coppi. Si precisa che, al momento, le strade interessate dal percorso sono completamente agibili.

Non mancano mai nomi importanti del ciclismo di ieri e di oggi nelle manifestazioni del Gs Loabikers. Così, anche a Ceriale, i partecipanti potranno pedalare al fianco del Diablo, Claudio Chiappucci, di Davide Rebellin e dei fratelli Bonifazio, ormai ospiti fissi.

L'animazione sarà garantita da un volto nuovo dello speakeraggio delle granfondo su strada in Liguria. Al microfono sarà presente Roberta Carta, che vanta un'esperienza di oltre 12 anni sulla linea di arrivo di numerose manifestazioni, tra cui i campionati italiani di Mountain Bike. Figura e voce altamente apprezzata da numerosi ciclisti in tutta Italia, che darà una ventata di freschezza alla granfondo rivierasca.

Va altresì ricordato che il Gs Loabikers, nelle varie tappe del Trofeo Loabikers, offre, gratuitamente a tutti i partecipanti, il servizio fotografico svolto dai professionsiti di "Un mondo di colori". Gli album delle singole tappe si possono visionare sulla pagina ufficiale Facebook del Trofeo Loabikers, dove sono liberamente scaricabili.

Per chi volesse trascorrere il fine settimana a Ceriale, può avvalersi dell'ospitalità del Residence Oliveto, del Residence Sabrina e del B&B Arancia 145, che offriranno anche altrettanti premi speciali estratti a sorte tra i partecipanti, poco prima della partenza.

I dettagli della Granfondo Città di Ceriale sono disponibili in questa pagina web. 

Le prove restanti del Trofeo Loabikers

11 ottobre – Granfondo Ceriale

25 ottobre – Granfondo Diano Marina

8 novembre – Pietra Ligure Cycling Marathon


 

Tutti i dettagli si trovano nella pagina dedicata del sito del Gs Loabikers.

CONTATTI

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.loabikers.com

tel. 3356872887

 

Free Joomla! template by L.THEME